​​​​​​​​​​​​​​​​​​Youtube.jpgFacebook_2015.pngTwitter.jpg​​​​Linkedin​JOBS​​​​CALLS​​​​​​​​PR​ESS​​​​​​RESTRICT​ED AREA
News

 NewsDetailWebPart

25 anni di ricerca su federalismo e minoranze
Eurac Research fa il punto con una tavola rotonda sull’autonomia territoriale. 

Due workshop tematici e una tavola rotonda sono gli appuntamenti aperti al pubblico che gli esperti in federalismo e minoranze di Eurac Research hanno organizzato per festeggiare i venticinque anni di ricerca su questi temi. Cosa è cambiato in questo periodo di tempo? Quali sono i temi centrali? E in futuro, quali saranno le sfide e le opportunità che i sistemi di tutela delle minoranze e le autonomie territoriali dovranno affrontare? I ricercatori del centro di ricerca altoatesino ne discuteranno il 14 novembre insieme ad esperti internazionali e a tutti gli interessati.

“In questi anni il nostro lavoro di ricerca è molto cambiato. Se all’inizio il focus dei nostri studi riguardava la divisione delle competenze tra livelli di governo, oggi ci occupiamo soprattutto di come far cooperare questi diversi livelli in settori specifici, ad esempio quello delle politiche ambientali”, riassume Francesco Palermo, direttore dell’Istituto di studi federali comparati di Eurac Research. “È cambiato l’oggetto della ricerca e anche il modo di condurla: un tempo i nostri interlocutori erano principalmente le istituzioni, oggi cerchiamo di coinvolgere tutti i potenziali interessati – cittadini in primis – e di garantire loro una partecipazione effettiva”.
Anche per quanto riguarda lo studio delle minoranze, il focus della ricerca si è spostato. “Rispetto al passato, oggi uno dei nostri principali ambiti di ricerca riguarda anche le cosiddette ‘nuove minoranze’ cioè quelle originate dai flussi migratori. Lo scopo è comprendere cosa le accomuna e cosa invece le differenzia dalle minoranze storico-tradizionali per trovare soluzione più efficaci per gestire la diversità, ma anche studiare come queste minoranze si integrino in territori abitati da ‘vecchie minoranze’”, spiega Roberta Medda-Windischer, ricercatrice dell’Istituto per i diritti delle minoranze di Eurac Research. 
Questa evoluzione in chiave pluralista sarà al centro della tavola rotonda sull’autonomia territoriale che i ricercatori hanno organizzato per fare il punto della situazione e discutere con esperti internazionali degli scenari futuri focalizzandosi sulla realtà locale. L’Alto Adige rappresenta uno dei più consolidati esempi di regime autonomistico realizzato per tutelare i diritti dei gruppi minoritari: quali sono i vantaggi e i limiti di questa strategia? Offre ancora del potenziale non sfruttato? Quali elementi fanno di alcuni sistemi un successo e determinano invece il fallimento di altri? Quali sono le principali sfide e opportunità che si presenteranno negli anni a venire per i sistemi di tutela delle minoranze fondati sull’autonomia territoriale? Il 14 novembre alle ore 18.30 i ricercatori ne discuteranno con esperti internazionali e con il presidente della provincia Arno Kompatscher. 
La giornata si aprirà alle ore 11 con una retrospettiva sui 25 anni di ricerca e uno sguardo al futuro accompagnati da un rinfresco. Dalle 14 alle 17 si terranno due workshop tematici, il primo dedicato a multilinguismo e religione e il secondo a risoluzione dei conflitti e autonomia territoriale.  

La tavola rotonda sarà in italiano e tedesco con traduzione in inglese, i workshop saranno in inglese. La partecipazione è gratuita.

Per maggiori informazioni: marc.roeggla@eurac.edu

​​​

CONTACT
Drususallee 1/Viale Druso 1
39100 BOZEN-BOLZANO
Tel. +39 0471 055 200
Fax. +39 0471 055 299
​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​QUICK LINKS
AWARDS

 
HOW TO REACH US

 
CONTACT

Viale Druso, 1 / Drususallee 1
39100 Bolzano / Bozen - Italy
Tel: +39 0471 055 055
Fax: +39 0471 055 099
Email: info@eurac.edu
Partita IVA: 01659400210
Priv​acy
Host of the Alpine Convention