​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​ ​JOBS​​CALLS​​​​​​​​PR​ES​S​​​​​​RESTRICT​E​D AREA
News

 NewsDetailWebPart

EURAC partner per la ricerca sulle mummie del Museo egizio di Torino
Accordo tra il centro di ricerca altoatesino, la Soprintendenza del Piemonte 
e la Fondazione delle antichità egizie

L’Istituto per le Mummie e l’Iceman dell’EURAC di Bolzano aggiunge un nuovo tassello alla sua rete di collaborazioni. La Soprintendenza per i beni archeologici del Piemonte e la Fondazione delle antichità egizie di Torino hanno scelto il centro di ricerca bolzanino come partner per gli studi sulle loro mummie. 
Il primo passo della collaborazione è stato il supporto dato dai ricercatori di Bolzano al restauro di due mummie esposte nei nuovi spazi del museo dopo la riapertura, il 1 aprile scorso.

Il Museo egizio di Torino è secondo solo a quello del Cairo per ricchezza di reperti. Tra questi si contano quasi 40 mummie datate tra il 4000 a.C. e il 400 d.C. “Si tratta di un patrimonio unico non solo da mostrare ma anche da studiare”, spiega Marco Samadelli, ricercatore dell’Istituto per le Mummie e l’Iceman dell’EURAC. “Il museo riceve richieste di studio delle mummie da istituzioni di tutto il mondo; se da una parte questo grande interesse è positivo, dall’altra rischia di frammentare i risultati e le conoscenze. Ecco perché la Soprintendenza e la Fondazione che gestisce il museo hanno deciso di individuare un partner scientifico di riferimento per la ricerca” conclude il ricercatore bolzanino. 

Dopo la firma del protocollo d’intesa, la collaborazione tra gli esperti torinesi e l’EURAC è entrata nel vivo con il restauro di due mummie millenarie, una risalente al Terzo periodo intermedio e l’altra all’Antico Regno. In vista della riapertura dopo la ristrutturazione, i collaboratori del museo erano alla ricerca della modalità migliore per esporle. Con una tac avrebbero potuto verificare lo stato di conservazione delle ossa all’interno delle bende, ma temevano che anche un piccolo movimento avrebbe danneggiato i due corpi. La soluzione a questo problema è arrivata da Bolzano. Samadelli ha realizzato dei calchi in poliuretano inseriti in una struttura in legno, simili a quelli realizzati anni prima per muovere la mummia di Ötzi. I calchi hanno permesso di girare le mummie per la prima volta e di scoprire la serie di monili e i frammenti di papiri conservati sotto i corpi. Samadelli ha realizzato anche i supporti in acciaio per esporre le mummie negli spazi restaurati.

I ricercatori dell’EURAC guardano con grande entusiasmo alla collaborazione con Torino. L’accordo prevede che l’Istituto altoatesino sia partner scientifico per lo studio delle mummie di tutta la regione. “In Piemonte si contano numerose mummie oltre a quelle del Museo egizio. Con le nostre competenze potremmo condurre analisi paleopatologiche e antropologiche. Nel campo della conservazione dei reperti organici potremmo approfondire gli studi, sviluppando tecniche avanzate che riescano a combinare sempre meglio l’esposizione e la conservazione dei reperti” conclude Marco Samadelli.

​​​​

CONTACT
A.-Volta-Straße 13/A/Via A.Volta 13/A
39100 BOZEN-BOLZANO
Tel. +39 0471 055 560
Fax. +39 0471 055 579
​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​QUICK LINKS
RICONOSCIMENTI

 ​​​
  FOLLOW US​​


​​


  
CONTATTI

Viale Druso, 1 / Drususallee 1
39100 Bolzano / Bozen - Italy
Come raggiungerci​
Tel: +39 0471 055 055
Fax: +39 0471 055 099
Email: info@eurac.edu
Partita IVA: 01659400210
Priv​acy
Host of the Alpine Convention