BioArchEM

Un approccio interdisciplinare allo studio della storia delle popolazioni altomedievali del Trentino-Alto Adige

  • Deutsch
  • English
  • Italiano
  • Project duration: February 2017 - March 2022
  • Project status:
    Approval by the Scientific Committee
  • Funding:
    Provincial P.-L.P. 14. Research projects (Province BZ funding /Project)
  • Total project budget: 405.000,00 €

L´Altomedioevo segue il declino dell'Impero Romano d´Occidentale e segna l'inizio del Medioevo in Europea (dal 400 aC fino al 1000 dC). Molte tribù germaniche di origini diverse migrano e si stabiliscono in Europa (“Periodo di migrazione”). In questo periodo, alcuni gruppi raggiungono anche la regione del Trentino-Alto Adige da diverse parti del territorio (ad esempio Franchi e Baiuvari, nordovest della regione; Longobardi, sud, come anche Slavi, est). Infatti, quest´area alpina ha da sempre avuto un ruolo strategico territoriale come punto di incontro tra l'Europa settentrionale e meridionale e come zona di contatto tra genti di diversa origine e cultura. I dati storici ed archeologici locali indicano che i flussi migratori furono continui ed estesi nel tempo e che i contatti tra i gruppi locali ed alloctoni portarono allo scambio reciproco di abitudini e tradizioni. Tuttavia, la questione sulla diversità biologica dei popoli che effettivamente popolavano la regione durante l´Altomedioevo e´ancora molto dibattuta.

Con il progetto interdisciplinare BioArchEM, analizziamo numerosi individui altomedievali (400-1100 dC) rinvenuti in necropoli da undici siti archeologici distribuiti in tre principali valli del Trentino-Alto Adige (Adige, Isarco e Venosta) e nella conca di Merano. Lo studio combina l’analisi molecolare, antropologica ed isotopica al fine di rispondere alle seguenti domande: i) gli individui provenienti dai vari siti e dalle valli sono differenziati geneticamente? ii) in caso affermativo, è possibile collegare queste differenze alla loro diversa origine? Un ulteriore confronto con le popolazioni europee moderne dalle supposte zone di origine potrà contribuire a rispondere a questa domanda iii) quali sono le relazioni genetiche tra gli individui alpini medievali analizzati e gli altri campioni europei risalenti allo stesso periodo?

Attraverso l'indagine antropologica, ricostruiamo il profilo biologico degli individui e selezioniamo i campioni (parte interna dell'osso temporale) per l'analisi genetica. Quest’ultima comprende un primo screening molecolare random del genoma (Shotgun sequencing) al fine di arrivare a stimare la percentuale del DNA endogeno presente nei campioni antichi e il livello di contaminazione. Come ulteriore passo, i campioni di DNA meglio conservati vengono sequenziati per regioni specifiche del DNA nucleare e per “l´arricchimento” e “cattura” del DNA mitocondriale. L'analisi degli isotopi stabili (δ13C, δ15N e δ34S) riguarda sia i campioni umani che faunistici rinvenuti negli stessi siti archeologici. Infine, i dati complessivi verranno discussi e interpretati alla luce delle conoscenze archeologiche e storiche.

Publications
Perimortem sharp force trauma in an individual from the early medieval cemetery of Säben-Sabiona in South Tyrol, Italy
Tumler D, Paladin A, Zink A (2019)
Articolo su rivista
International Journal of Paleopathology

https://doi.org/10.1016/j.ijpp.2019.07.005

http://hdl.handle.net/10863/11464

Partner
Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige, Ufficio Beni archeologici
University of Bern, Department of Physical Anthropology, Institute of Forensic Medicine
Team del progetto
1 - 4

Projects

1 - 7
Project

MummyLabs

Potenziamento e centralizzazione delle infrastrutture di laboratorio dell´Istituto per lo Studio ...

Duration: December 2017 - December 2021Funding:
FESR (EU funding / Project)

view all

Institute's Projects

Istituto
Eurac Research logo

Eurac Research è un centro di ricerca privato con sede a Bolzano, Alto Adige. I nostri ricercatori provengono da una vasta gamma di discipline scientifiche e da tutte le parti del globo. Insieme si dedicano a quella che è la loro professione e vocazione – plasmare il futuro.

Cosa facciamo

La nostra ricerca affronta le maggiori sfide che ci attendono in futuro: le persone hanno bisogno di salute, energia, sistemi politici e sociali ben funzionanti e un ambiente intatto. Queste sono domande complesse e stiamo cercando le risposte nell'interazione tra molte discipline diverse. In tal modo, il nostro lavoro di ricerca abbraccia tre temi principali: le regioni adatte a vivere, la diversità come elemento di miglioramento della vita, una società sana.

Great Place To Work
ISO 9001 / 2015ISO 9001:2015
05771/0
ISO 27001ISO 27001:2013
00026/0
ORCID Member

Nel rispetto del regolamento (UE) 2016/679, ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su "OK" acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso usa il tasto "maggiori informazioni".

Privacy Policy