Press

La ricerca non si è fermata: meno convegni, più progetti e più personale

25 maggio 21

La ricerca non si è fermata: meno convegni, più progetti e più personale

Eurac Research presenta il bilancio di un anno di lavoro in pandemia

La partecipazione a convegni specialistici si è più che dimezzata, ma l’isolamento non è stato improduttivo. Nel 2020 gli articoli accettati per la pubblicazione in riviste scientifiche sono aumentati del 20,4 per cento rispetto al 2019 e sono state presentate 88 proposte di progetti europei: il 25,7 per cento in più rispetto all’anno precedente. Finora ne è stato approvato oltre il 30 per cento, con un incremento del 47,1 per cento del budget complessivo amministrato per tutti i progetti in corso. La prima conseguenza è stato un aumento del personale pari al 6,4 per cento. Il bilancio 2020/2021 di Eurac Research è stato presentato lo scorso venerdì all’assemblea dei soci.

Nel rispetto delle misure anti-Covid diverse campagne di misurazione sul campo sono state rinviate, così come meeting e convegni internazionali, e nei laboratori solo una percentuale molto ridotta del personale ha potuto portare avanti esperimenti. La ricerca però non si è fermata: le 550 persone che lavorano in Eurac Research hanno potuto continuare la maggior parte delle proprie attività in smart working. Questi contratti flessibili erano già previsti da un paio di anni per oltre il 20 per cento del personale, quindi il passaggio imposto dalla pandemia non è stato traumatico dal punto di vista organizzativo. Dal punto di vista dei risultati, i dati mostrano che in questi mesi di isolamento forzato la produttività si è concentrata sulle attività di rielaborazione: valutazione di dati raccolti, scrittura di pubblicazioni e nuovi studi. “Siamo grati ai nostri collaboratori e collaboratrici che pur tra i disagi non si sono mai tirati indietro e hanno raggiunto ottimi numeri”, dichiara il direttore di Eurac Research Stephan Ortner. “Inoltre, i tanti, nuovi e grandi progetti ci hanno permesso di offrire opportunità di lavoro a giovani qualificati anche in un anno così delicato”.

Oltre alle modalità di lavoro, la pandemia ha influenzato anche i contenuti degli studi. I gruppi di ricerca con competenze in ambito medico-sanitario si sono attivati per contribuire ad aumentare le conoscenze sul virus. Un esempio è lo studio CHRIS Covid-19 sulla diffusione del virus in Val Venosta, gli effetti di Covid-19 nel tempo e i fattori di rischio, ma anche tutte le iniziative a supporto dell’Azienda sanitaria, per esempio il sequenziamento del genoma virale per individuarne le varianti, la collaborazione in vari studi per la parte di bioetica, la conservazione dei campioni in biobanca o il monitoraggio biostatistico. I gruppi di ricerca con focus su altri temi si sono occupati e continuano a occuparsi dei cambiamenti portati dalla pandemia: studiano il suo impatto sociale ed economico, per esempio sui consumi energetici o sul turismo, per prepararci meglio a quello che arriverà. “Questa crisi non porterà più fondi alla ricerca. Anzi, si prospetta un periodo di ristrettezze e molti soldi serviranno giustamente per tutelare le fasce della popolazione più colpite. La scienza sarà però indispensabile per governare le sfide del mondo post-pandemia, come lo è stata finora per navigare nell’emergenza sanitaria”, conclude Ortner.

Il “Rapporto Attività 2020/2021” si può scaricare alla pagina: https://beta.eurac.edu/it/magazine/rapporto-attivita-2020-anno-della-pandemia. Si può ritirare una copia gratuita nella sede di Eurac Research in viale Druso, 1. Videoanimazione con i dati principali: https://www.youtube.com/watch?v=stF7Wdlo4xs

Assemblea dei soci 2021© Eurac Research - Annelie Bortolotti

Download
Press Kit

la-ricerca-non-si-e-fermata.zip

Diritti di utilizzo delle immagini

Il materiale fotografico è a disposizione della stampa per servizi sul nostro centro di ricerca a condizione che la fonte sia chiaramente indicata e che le immagini siano pubblicate con riferimento al contenuto del comunicato stampa. Le immagini possono essere utilizzate solo per scopi non commerciali e non possono essere rivendute o trasmesse a terzi.

tags

Contatti

Communication

T +39 0471 055 038 valentina.bergonzi@eurac.edu

Eurac Research

Drususallee 1/Viale Druso 1
39100 Bozen/Bolzano

Eurac Research logo

Eurac Research è un centro di ricerca privato con sede a Bolzano, Alto Adige. I nostri ricercatori provengono da una vasta gamma di discipline scientifiche e da tutte le parti del globo. Insieme si dedicano a quella che è la loro professione e vocazione – plasmare il futuro.

Cosa facciamo

La nostra ricerca affronta le maggiori sfide che ci attendono in futuro: le persone hanno bisogno di salute, energia, sistemi politici e sociali ben funzionanti e un ambiente intatto. Queste sono domande complesse e stiamo cercando le risposte nell'interazione tra molte discipline diverse. In tal modo, il nostro lavoro di ricerca abbraccia tre temi principali: le regioni adatte a vivere, la diversità come elemento di miglioramento della vita, una società sana.

Great Place To Work
ISO 9001 / 2015ISO 9001:2015
05771/0
ISO 27001ISO 27001:2013
00026/0
ORCID Member

Nel rispetto del regolamento (UE) 2016/679, ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su "OK" acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso usa il tasto "maggiori informazioni".

Privacy Policy