ScienceBlogs
Home

La tecnologia a supporto del trasporto merci: tra innovazione ed efficienza

1
10 October 2018
1
hk -

L’e-commerce ha prodotto un radicale cambiamento nel modo di acquistare e di consegnare la merce ai clienti. Per gli spedizionieri, questa pratica ha imposto un ripensamento nell’organizzazione del proprio lavoro e un più massiccio ricorso alla tecnologia, al fine di ottimizzare le consegne e ridurre i costi operativi. L’utilizzo di droni per la consegna, solo poco tempo fa considerato fantascienza, è già stato sperimentato con successo da Amazon; ora, non in pochi lo considerano una valida alternativa per decongestionare il traffico cittadino.

La tecnologia e le sue potenzialità nel trasporto merci

Questo ricorso alla tecnologia è valido sia per la distribuzione in ambito urbano, sia per quanto riguarda la merce che transita lungo i principali corridoi europei. Tra questi, il Brennero non rappresenta certo un’eccezione: ogni anno circolano circa 47 milioni di tonnellate di merce, che deve essere trasportata nel modo più sicuro, sostenibile ed economico possibile. A livello europeo sono in corso di sperimentazione soluzioni tecnologiche altamente innovative, come l’ispezione automatizzata del treno merci, l’introduzione di autostrade elettrificate, treni guidati in maniera completamente automatica o ancora la completa automatizzazione dei centri intermodali e l’adozione della tecnologia Blockchain per tracciare e condividere tra più attori le informazioni.

La scelta delle alternative: una questione di opportunità

Le alternative non mancano e sono in costante aumento. Una scelta oculata risulta fondamentale: i costi per questi sistemi sono in molti casi elevati e rischiano di incidere profondamente sul bilancio di un’azienda, così come sulle scelte compiute dalla politica. All’interno del progetto Smartlogi (http://www.smartlogi.eu/), l’istituto per lo sviluppo regionale analizza i sistemi legati alle nuove tecnologie ICT e le loro applicazioni in Europa, cercando di comprendere quali possono essere le ripercussioni per il trasporto merci transnazionale e il legame con le politiche a supporto del territorio locale, compresi gli incentivi forniti per lo sviluppo di soluzioni meno impattanti sul territorio. Lo scopo del progetto non è creare un elenco esaustivo delle soluzioni in corso (elenco che per forza di cose risulterebbe in breve tempo obsoleto), quanto piuttosto mostrare le potenzialità e testarne in maniera concreta la fattibilità. In questo senso si può leggere l’introduzione un corridoio doganale tra il porto di Trieste e l’interporto di Fürnitz (AT), grazie alla digitalizzazione del processo informativo e di controllo delle merci trasportate. Grazie a questo sistema, le merci che arrivano nel porto possono essere scaricate dalle navi e partire in tempi rapidi verso il centro intermodale austriaco, liberando prezioso spazio per nuove operazioni.

La tecnologia non è tutto: le altre sfide da affrontare

Questo ricorso alla tecnologia determina un notevole risparmio di tempo, rendendo il trasporto combinato nave-treno maggiormente competitivo nei confronti di quello stradale. Salvo poi scoprire che tra i diversi paesi dell’Unione Europea vigono ancora alcune limitazioni alla libera circolazione ferroviaria (tra cui le licenze di macchinista valide in Austria, ma non in Italia, o ancora differenti sistemi di alimentazione che non permettono a tutte le motrici di circolare nei diversi stati): essi rendono il servizio meno attrattivo e vanificano, almeno parzialmente, gli investimenti descritti in precedenza. Ma questo è un problema di natura diversa, che non dipende dall’introduzione di nuova tecnologia nel trasporto combinato e che merita un discorso a parte.

Autori: Federico Cavallaro, Giulia Sommacal

Useful links:

  • http://www.themeditelegraph.com/it/green-and-tech/technology/2017/07/07/qingdao-primo-porto-asiatico-automatizzato-focus-coDz5YQcwhSBuNwtfAS8bK/index.html
  • https://www.lifegate.it/persone/stile-di-vita/svezia-autostrada-elettrica-camion
  • https://blog.sbbcargo.com/it/14777/il-futuro-della-logistica-5-treni-senza-macchinista/
  • http://www.alpine-space.eu/projects/alpinnoct/outputs/alpinnoct_dt1.1.1.pdf
  • https://www.unece.org/fileadmin/DAM/trans/doc/2009/wp5/ECE-TRANS-WP5-GE1-03-inf02a1e.pdf
  • http://www.alpine-space.eu/projects/alpinnoct/outputs/deliverable-d.t2.5.1.pdf

Tags

Facebook Comments

Related Post

ScienceBlogs
16 October 2015regionalstories

Uomo e Fauna: Convivenza e Risoluzione Conflitti per un nuovo sviluppo

Filippo Favilli
Eurac Research logo

Eurac Research è un centro di ricerca privato con sede a Bolzano, Alto Adige. I nostri ricercatori provengono da una vasta gamma di discipline scientifiche e da tutte le parti del globo. Insieme si dedicano a quella che è la loro professione e vocazione – plasmare il futuro.

Cosa facciamo

La nostra ricerca affronta le maggiori sfide che ci attendono in futuro: le persone hanno bisogno di salute, energia, sistemi politici e sociali ben funzionanti e un ambiente intatto. Queste sono domande complesse e stiamo cercando le risposte nell'interazione tra molte discipline diverse. In tal modo, il nostro lavoro di ricerca abbraccia tre temi principali: le regioni adatte a vivere, la diversità come elemento di miglioramento della vita, una società sana.

ISO 9001 / 2015
ISO 9001:2015
05771/0
ISO 27001
ISO 27001:2013
00026/0
Great Place To Work

Nel rispetto del regolamento (UE) 2016/679, ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su "OK" acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso usa il tasto "maggiori informazioni".

Privacy Policy