ScienceBlogs
Home

La tecnologia a supporto del trasporto merci: tra innovazione ed efficienza

1
1
La tecnologia a supporto del trasporto merci: tra innovazione ed efficienza
hk -

L’e-commerce ha prodotto un radicale cambiamento nel modo di acquistare e di consegnare la merce ai clienti. Per gli spedizionieri, questa pratica ha imposto un ripensamento nell’organizzazione del proprio lavoro e un più massiccio ricorso alla tecnologia, al fine di ottimizzare le consegne e ridurre i costi operativi. L’utilizzo di droni per la consegna, solo poco tempo fa considerato fantascienza, è già stato sperimentato con successo da Amazon; ora, non in pochi lo considerano una valida alternativa per decongestionare il traffico cittadino.

La tecnologia e le sue potenzialità nel trasporto merci

Questo ricorso alla tecnologia è valido sia per la distribuzione in ambito urbano, sia per quanto riguarda la merce che transita lungo i principali corridoi europei. Tra questi, il Brennero non rappresenta certo un’eccezione: ogni anno circolano circa 47 milioni di tonnellate di merce, che deve essere trasportata nel modo più sicuro, sostenibile ed economico possibile. A livello europeo sono in corso di sperimentazione soluzioni tecnologiche altamente innovative, come l’ispezione automatizzata del treno merci, l’introduzione di autostrade elettrificate, treni guidati in maniera completamente automatica o ancora la completa automatizzazione dei centri intermodali e l’adozione della tecnologia Blockchain per tracciare e condividere tra più attori le informazioni.

La scelta delle alternative: una questione di opportunità

Le alternative non mancano e sono in costante aumento. Una scelta oculata risulta fondamentale: i costi per questi sistemi sono in molti casi elevati e rischiano di incidere profondamente sul bilancio di un’azienda, così come sulle scelte compiute dalla politica. All’interno del progetto Smartlogi (http://www.smartlogi.eu/), l’istituto per lo sviluppo regionale analizza i sistemi legati alle nuove tecnologie ICT e le loro applicazioni in Europa, cercando di comprendere quali possono essere le ripercussioni per il trasporto merci transnazionale e il legame con le politiche a supporto del territorio locale, compresi gli incentivi forniti per lo sviluppo di soluzioni meno impattanti sul territorio. Lo scopo del progetto non è creare un elenco esaustivo delle soluzioni in corso (elenco che per forza di cose risulterebbe in breve tempo obsoleto), quanto piuttosto mostrare le potenzialità e testarne in maniera concreta la fattibilità. In questo senso si può leggere l’introduzione un corridoio doganale tra il porto di Trieste e l’interporto di Fürnitz (AT), grazie alla digitalizzazione del processo informativo e di controllo delle merci trasportate. Grazie a questo sistema, le merci che arrivano nel porto possono essere scaricate dalle navi e partire in tempi rapidi verso il centro intermodale austriaco, liberando prezioso spazio per nuove operazioni.

La tecnologia non è tutto: le altre sfide da affrontare

Questo ricorso alla tecnologia determina un notevole risparmio di tempo, rendendo il trasporto combinato nave-treno maggiormente competitivo nei confronti di quello stradale. Salvo poi scoprire che tra i diversi paesi dell’Unione Europea vigono ancora alcune limitazioni alla libera circolazione ferroviaria (tra cui le licenze di macchinista valide in Austria, ma non in Italia, o ancora differenti sistemi di alimentazione che non permettono a tutte le motrici di circolare nei diversi stati): essi rendono il servizio meno attrattivo e vanificano, almeno parzialmente, gli investimenti descritti in precedenza. Ma questo è un problema di natura diversa, che non dipende dall’introduzione di nuova tecnologia nel trasporto combinato e che merita un discorso a parte.

Autori: Federico Cavallaro, Giulia Sommacal

Useful links:

  • http://www.themeditelegraph.com/it/green-and-tech/technology/2017/07/07/qingdao-primo-porto-asiatico-automatizzato-focus-coDz5YQcwhSBuNwtfAS8bK/index.html
  • https://www.lifegate.it/persone/stile-di-vita/svezia-autostrada-elettrica-camion
  • https://blog.sbbcargo.com/it/14777/il-futuro-della-logistica-5-treni-senza-macchinista/
  • http://www.alpine-space.eu/projects/alpinnoct/outputs/alpinnoct_dt1.1.1.pdf
  • https://www.unece.org/fileadmin/DAM/trans/doc/2009/wp5/ECE-TRANS-WP5-GE1-03-inf02a1e.pdf
  • http://www.alpine-space.eu/projects/alpinnoct/outputs/deliverable-d.t2.5.1.pdf

Tags

Citation

https://doi.org/10.57708/b22008065
Cavallaro, F., & Sommacal, G. La tecnologia a supporto del trasporto merci: tra innovazione ed efficienza. https://doi.org/10.57708/B22008065

Related Post

Bikepacking – a growing niche for Alpine cycling tourism
ScienceBlogs
regionalstories

Bikepacking – a growing niche for Alpine cycling tourism

Manuel Demetz
Camping auf dem Bauernhof – ein Angebot auch für Südtirol?
ScienceBlogs
regionalstories

Camping auf dem Bauernhof – ein Angebot auch für Südtirol?

Manuel Demetz
Die Wichtigkeit der Wege- und Bergkompetenz – was lehrt uns der Pfunderer Höhenweg?
ScienceBlogs
regionalstories

Die Wichtigkeit der Wege- und Bergkompetenz – was lehrt uns der Pfunderer Höhenweg?

Harald PechlanerHarald Pechlaner

Science Shots Newsletter

Science Shots Eurac Research Newsletter

Get your monthly dose of our best science stories and upcoming events.

Choose language