Institutes & Centers

Center for Advanced Studies - News & Events - Viaggiare in modo responsabile e sostenibile

04 dicembre 20

Viaggiare in modo responsabile e sostenibile

Conferenza online di esperti della HGJ e del Center for Advanced Studies di Eurac Research - Studio sul futuro dei viaggi e Keynote di Harry Gatterer

  • Deutsch
  • English
  • Italiano

Come sarà il futuro del turismo e quali sono le aspettative e le esigenze degli ospiti del futuro? Queste e altre domande sono state al centro del simposio online "Il turismo cambia radicalmente. Prospettive per il tempo dopo Corona", che è stato organizzato dalla Hoteliers- und Gastwirtejugend (HGJ) e dal Center for Advanced Studies di Eurac Research. Nel corso della conferenza sono stati presentati anche i risultati dello studio "Come sarà il futuro dei viaggi?

Questo contenuto è ospitato da una terza parte. Mostrando il contenuto esterno si accettano termini e condizioni.

Conferenza online HGJ-Eurac Research

Il turismo sta subendo una trasformazione radicale. Gli arrivi internazionali in Europa sono crollati di quasi il 70 per cento nell'anno fino ad agosto di quest'anno. Il modo in cui trascorriamo le nostre vacanze, come e dove viaggiamo, cambierà significativamente in futuro: "Anche prima della pandemia di Corona, si potevano vedere i segni del cambiamento nel turismo. Oltre al boom del turismo in tutto il mondo e ai segmenti di ospiti sempre più differenziati, è stata data maggiore importanza a un principio in particolare, ovvero la sostenibilità", ha detto il presidente di HGJ Hannes Gamper. La maggiore consapevolezza delle persone per l'ambiente e l'alta frequenza dell'argomento, causata dal cambiamento climatico, modellerà e cambierà il comportamento, ha detto. Anche Manfred Pinzger, presidente dell'Hoteliers- und Gastwirteverband (HGV), ha seguito la stessa linea: "Altri valori e desideri verranno alla ribalta. Ciò che rimarrà, tuttavia, è il desiderio di viaggiare e il desiderio di tempo libero delle persone", ha sottolineato.

Nuovo studio sul futuro dei viaggi

I dibattiti sulla necessità e l'urgenza di una trasformazione socio-ecologica della nostra società sono ora condotti in tutti i campi e discipline. La situazione storicamente unica della pandemia di Covid 19 è stata colta dal Centro di Studi Avanzati di Eurac Research in collaborazione con la Hoteliers- und Gastwirtejugend (HGJ) per condurre un sondaggio non rappresentativo tra gli studenti delle scuole alberghiere provinciali di Merano e Brunico. L'obiettivo era quello di scoprire cosa pensa la giovane generazione del settore turistico sui viaggi nell'anno 2050.

Al simposio online "Il turismo sta cambiando radicalmente. Prospettive per il tempo dopo Corona", Harald Pechlaner, direttore del Center for Advanced Studies, Felix Windegger, ricercatore nel campo dell'economia ecologica nonché l'economista Greta Erschbamer hanno dato una prima visione delle aspettative, dei desideri e delle sfide menzionate. Un totale di 142 studenti tra i 16 e i 23 anni ha partecipato al sondaggio tra il 25 maggio e il 12 giugno. Sulla base di 49 affermazioni date, gli studenti sono stati in grado di fare una valutazione sul futuro dei viaggi e di commentare ulteriormente. Sono stati anche invitati a rispondere a due domande aperte.

"I risultati mostrano che gli adolescenti e i giovani adulti hanno una consapevolezza molto forte delle questioni ambientali e climatiche e che la sostenibilità ambientale avrà un ruolo ancora maggiore nel futuro del turismo. Tuttavia, vogliono ancora viaggiare per il mondo e scoprire nuovi posti", ha sottolineato Pechlaner. Non è quindi sorprendente che la possibilità di viaggiare in modo ecologico sia stato il desiderio più frequentemente menzionato riguardo al turismo nel 2050, ma allo stesso tempo anche la sfida più frequentemente menzionata.

Critico verso l'automazione

Lo studio chiarisce che un'alta percentuale di studenti è piuttosto contraria all'automazione delle fasi di lavoro da parte di robot e intelligenze artificiali. Anche l'uso crescente delle tecnologie digitali nelle imprese alberghiere e di ristorazione non è stato approvato da tutti. D'altra parte, la maggioranza dei partecipanti ha dichiarato di dare grande importanza al rapporto personale tra ospite e padrone di casa. Secondo loro, gli incontri e le relazioni umane dovrebbero essere un elemento ancora più importante nel turismo del futuro.

Responsabilità sociale e sostenibilità sociale

Come viaggiatori nel 2050, la stragrande maggioranza mostra interesse nel conoscere e sperimentare la cultura e la gente locale, sottolineando il viaggio responsabile e il rispetto e l'umiltà per la regione e la cultura visitata. Come viaggiatori, la maggior parte vuole evitare l'overtourism e il sovraffollamento e limitarli a livello di destinazione. La maggioranza vuole esperienze autentiche e avventure quando viaggia. Molti dei partecipanti hanno affermato che le esigenze della popolazione locale e dei dipendenti del settore turistico dovrebbero essere prese in maggiore considerazione nel 2050. La responsabilità sociale e la sostenibilità sociale dovrebbero quindi avere un'attenzione ancora maggiore nel turismo. La maggior parte vede la pandemia Covid 19 come un fattore puramente temporaneo che influenza il proprio comportamento di viaggio. A lungo termine, tuttavia, gli intervistati sospettano che la crisi contribuirà a una più forte regionalizzazione dei cicli economici e a più vacanze nel proprio paese. Inoltre, la maggior parte dei partecipanti vede la pandemia di Covid 19 come un impulso per un ripensamento verso la sostenibilità.

Dichiarazione di Friday for Future Germany

Leonie Bremer, attivista per la protezione del clima e portavoce di Friday for Future Germania, ha chiesto un turismo sostenibile e rispettoso dello sviluppo. Anche lei ha partecipato al simposio online, ha presentato le preoccupazioni di Fridays for Future e ha chiesto ancora una volta che la politica deve permettere viaggi rispettosi del clima e creare le infrastrutture necessarie.

Risonanza: La nuova parola magica

La pandemia di Corona ha dimostrato che le cose non funzionano più come al solito. Harry Gatterer, direttore dello Zukunftsinstitut di Francoforte, è convinto che questo valga anche per il turismo: "Continuare come prima sarebbe fatale. Ciò che è rilevante per il futuro è la risposta. La cosa principale è entrare in relazione con le persone", ha sottolineato Gatterer in un'intervista con Eurac Research.

Harry Gatterer, Brigitte Zelger dell'Hotel "Pfösl" di Nova Ponente, Johanna Huber dell' Hotel Ristorante "Pacher" di Novacella, Moritz Oberhofer, rappresentante degli studenti della Landeshotelfachschule di Brunico, e Zeno Oberkofler del movimento " Venerdì per il futuro" dell'Alto Adige hanno concordato nel giro di discussione conclusivo che la pandemia di Corona ha dato spunti di riflessione in direzione della sostenibilità. In futuro è importante rispondere di più ai desideri e alle esigenze degli ospiti. Bisogna puntare di più sulla qualità e riorientare l'incontro tra ospite e ospitante.

Presentazione:

Turismo - Quo vadis? Uno sguardo al mondo dei viaggiatori di domani

Other News & Events

1 - 10
Center