Institutes & Centers

Center for Advanced Studies - News & Events - Gli ecosistemi imprenditoriali come chiave per il futuro del turismo

09 dicembre 21

Gli ecosistemi imprenditoriali come chiave per il futuro del turismo

Conferenza online "Il turismo ha bisogno di innovazione e di reti" dei Giovani Albergatori (HGJ) e del Center for Advanced Studies di Eurac Research - Studio della forza innovativa del turismo altoatesino e keynote di Oliver Puhe

  • Deutsch
  • English
  • Italiano

Conferenza online "Il turismo ha bisogno di innovazione e di reti"

Sviluppi recenti come la pandemia globale, il crollo del clima o la digitalizzazione ci hanno mostrato l'importanza dell'innovazione per un turismo a prova di futuro. I Giovani Albergatori (HGJ) e il Center for Advanced Studies di Eurac Research hanno organizzato congiuntamente la conferenza online "Il turismo ha bisogno di innovazione e di reti" per esplorare come sostenere e promuovere attivamente l'innovazione nel turismo in Alto Adige.

"L'innovazione inizia prima di tutto nelle nostre menti, con la volontà di mettere in discussione prodotti e servizi e di buttare a mare schemi di lunga data" ha detto il direttore dell'Hoteliers- und Gastwirteverband (HGV) Thomas Gruber, presentando l'evento. Il presidente dei Giovani Albergatori (HGJ) Daniel Schölzhorn ha sottolineato il ruolo dei giovani nel portare l'innovazione nelle aziende: "Sfruttiamo l'opportunità di aprire nuove strade, è l'unico modo per affermare le nostre aziende sul mercato a lungo termine", ha fatto appello Schölzhorn. Harald Pechlaner, direttore del Center for Advanced Studies di Eurac Research, ha spiegato la necessità di mettere in discussione l'esistente e guardare oltre il turismo. Una posizione promettente per il futuro può essere raggiunta solo attraverso il networking - sia a livello operativo che di destinazione.

Usare le risorse esistenti per il bene comune

Quale futuro ci muove? Questa domanda è stata affrontata dal coach di innovazione turistica Oliver Puhe. In molti luoghi, il turismo è percepito come un problema in relazione alla pandemia o alla crisi climatica. Eppure l'industria ha tutti i presupposti per agire come risolutore di problemi. Il collegamento in rete a livello mondiale rende possibile anche l'attuazione di misure a livello globale, che potrebbero beneficiare la società nel suo insieme. Guardando al futuro, ha sottolineato che non si tratta di creare qualcosa di completamente nuovo, ma piuttosto di cercare soluzioni con le risorse esistenti nello spirito della cosiddetta innovazione frugale. Ciò richiede processi collaborativi orientati al bene comune.
Un argomento simile è stato fatto dalla giovane locandiera Teresa Pichler di "Haller Suites & Restaurant" a Bressanone, che ha sottolineato che non c'è bisogno di inventare se stessi completamente nuovi, ma piuttosto di lavorare con ciò che è già presente. Joschi Walch di "Rote Wand", un Gourmet Hotel a Lech am Arlberg, ha inoltre osservato che l'innovazione è un costante sviluppo, avanzamento e messa in discussione delle proprie azioni. Mentre Stefan Peintner, responsabile della filiale di Bolzano dell'agenzia di innovazione WhatAVenture, ha sottolineato che il networking è inevitabile, anche al di fuori del settore.

Indagine sul comportamento innovativo di albergatori e locandieri altoatesini

L'HGJ e il Center for Advanced Studies di Eurac Research hanno inoltre utilizzato il simposio come occasione per condurre in anticipo un sondaggio online non rappresentativo tra i membri dell'HGV e dell'HGJ. L'obiettivo era quello di indagare il comportamento innovativo degli albergatori e degli albergatori altoatesini e di farsi un'idea delle idee, dei desideri e delle difficoltà che circondano il tema dell'innovazione nel turismo. I risultati, presentati da Felix Windegger, ricercatore del Center for Advanced Studies, mostrano che la maggior parte delle aziende intervistate può essere descritta come piuttosto amichevole verso l'innovazione. L'83 per cento ha indicato di aver introdotto nuovi prodotti, servizi, processi o novità nella struttura organizzativa negli ultimi cinque anni. Inoltre, oltre il 90 per cento punta a ulteriori innovazioni nei prossimi cinque anni, soprattutto per quanto riguarda la sostenibilità. Quasi il 70 per cento percepisce la collaborazione con le start-up come un'opportunità per la propria impresa e quasi il 90 per cento è convinto che il turismo in Alto Adige trarrebbe vantaggio da un maggiore scambio di conoscenze tra imprese affermate e giovani.

Ecosistemi imprenditoriali come chiave per il futuro del turismo

Il simposio si è concluso con una tavola rotonda sugli ecosistemi imprenditoriali come motori di innovazione e strategie future per il turismo in Alto Adige. I relatori, moderati da Harald Pechlaner, erano Erich Falkensteiner, albergatore e imprenditore, Harald Oberrauch, co-fondatore del Tirol Business Angel Network, Patrick Ohnewein, responsabile dell'unità Tecnologie Digitali del NOI Techpark, e Désirée Giacomuzzi dell'azienda di famiglia Enrico Giacomuzzi e della Start-up SANKTANNAS. Hanno sottolineato la necessità del turismo per un ecosistema che permetta un'azione creativa, imprenditoriale e di cooperazione innovativa. Particolarmente importante è lo scambio tra imprese affermate e giovani imprese o start-up. Non solo le imprese coinvolte, ma l'intero settore turistico altoatesino può trarre vantaggio da tali collaborazioni. Altri attori chiave di un tale ecosistema sono gli istituti di ricerca, le associazioni, i parchi tecnologici, le agenzie di localizzazione e, non da ultimo, la Provincia Autonoma di Bolzano - Alto Adige. Inoltre, i partecipanti al dibattito hanno riconosciuto la necessità di una trasformazione verso una cultura del fallimento, al fine di promuovere il pensiero e l'azione imprenditoriale in Alto Adige.

Tutti i partecipanti hanno concordato sul fatto che è essenziale conoscere altri settori, imparare da loro e formare reti. Perché alla fine tutti inseguono lo stesso obiettivo: fare dell'Alto Adige la regione più vivibile d'Europa.

Organizzazione

Eurac Research
Center for Advanced Studies
Drususallee 1 / Viale Druso 1
39100 Bozen / Bolzano
T +39 0471 055 801
advanced.studies@eurac.edu

Hoteliers- und Gastwirtejugend (HGJ)
Giovani Albergatori dell'Alto Adige (HGJ)
Schlachthofstraße 59 / Via Macello 59
39100 Bozen / Bolzano
T +39 0471 31 79 99
info@hgj.it

Contact

Felix Windegger

Junior ResearcherCenter for Advanced Studies

Maximilian Walder

Junior ResearcherCenter for Advanced Studies

Other News & Events

1 - 10
Center