ChangeLake

ChangeLake - Cambiamenti biogeochimici recenti e storici nei laghi alpini d'alta quota in Val Mazia (lago Saldura, Matscherjochsee, Upiasee, Hochaltlseen)

  • Deutsch
  • English
  • Italiano
  • Project duration: December 2019 - December 2020
  • Project status:
    Terminato
  • Funding:
    Internal funding EURAC (Project)

Il recente aumento di temperatura si rispecchia in evidenti cambiamenti nella biologia e chimica dei laghi d’alta quota. Questi corpi d’acqua di modeste dimensioni reagiscono in modo molto sensibile ai cambiamenti della temperatura dell’aria oppure della copertura di neve e ghiaccio. Inoltre questi laghetti sono influenzati dalle variazioni dei carichi di sostanze particolate e disciolte nell’acqua derivanti dallo scioglimento del ghiaccio.

Nell’ambito di questo progetto saranno presi in esame i laghi d’alta quota presenti in alta quota in Val Mazia, divenuta sito LTER nel 2013. Negli ultimi anni in questo bacino imbrifero sono stati analizzati torrenti ed processi ecosistemici terrestri. Alle informazioni legate a questi ecosistemi vorremo integrare quelle derivanti dagli ecosistemi lentici, i laghetti Saldura il Matscherjochsee, il Upiasee e il Hochaltsee. Nonostnte i laghi si trovino geograficamente vicini, si ipotizza che reagiscano in modo diverso alle aumentate temperature. Infatti, i cambiamenti attesi sono influenzati dai seguenti parametri:

  • La lunghezza del periodo nel quale il lago non è ghiacciato, la temperatura dell’acqua e la quantità di materiale organico immesso influenzano la produttività, la composizione delle comunità biologiche nonché il chimismo del lago.
  • La riduzione dell’apporto di acqua glaciale e la conseguente riduzione di immissione di materiale particolato disciolto risultano in un graduale passaggio da un lago torbido di provenienza glaciale ad un lago limpido ad elevata trasparenza.
  • Lo scioglimento di ghiacciai rocciosi influenza la quantità di sostanze disciolte, la conducibilità e il grado di acidità di un lago.
  • Lo sviluppo di nuovi laghi nati in zone una volta ghiacciate influenza la composizione biochimica del lago.

Proprio per analizzare gli effetti del ghiacciaio e le interrelazioni dei processi limnici sono stati scelti laghi d’alta quota lungo un transetto altitudinale (2700-3200 m s.l.m.) con diversa influenza glaciale. Sono previste le seguenti attività di ricerca:

  1. Due campionamenti annuali dei laghi e stagni dell’area in alta quota del Saldura, nonchè del Matscherjochsee, del Upiasee e dei Hochaltlseen.
    Grazie a questi studi si cerca di individuare i processi responsabili delle variazioni stagionali del chimismo dell’acqua e metterli in relazione con i parametri climatici. I risultati si possono integrare alle altri ricerche svolte nel sito LTER, specialmente con i risultati ottenuti negli ambienti lotici.
  2.  Rilevamenti continui nell’arco di tutto l’anno della temperatura e della conducibilità dell’acqua di quattro laghi d’alta quota.
    Due die quattro ecosistemi lentici si trovano a quote molto elevate (3218 e 2922 m s.l.m.), mentre gli altri due sono molto vicini, anche se uno solo è influenzato direttamente dal ghiacciaio.
  3. Analisi delle interrelazioni fra scioglimento del ghiacciaio e temperature dell’aria negli ultimi 10000 anni mediante lo studio dei sedimenti limnici. A tale scopo saranno messi a confronto i sedimenti di due laghi che distano solo 85 m l’uno dall’altro, ma die quali solo uno viene influenzato direttamente dalla presenza del ghiacciaio. La capsula cefalica dei Chironomidi nei sedimenti del lago senza influenza glaciale (Fischersee) permetterà una ricostruzione dell’andamento termico storico. Inoltre, le misurazioni delle immissioni particolate nei sedimenti del lago connesso al ghiacciaio (Unterer Saldursee) e il loro paragone con le carote di sedimento già analizzate per i laghi Fischersee e Obere Saldursee permetteranno una stima dell’attività glaciale.
Partner
Universität Innsbruck, Fakultät für Geo- und Atmosphärenwissenschaften, Institut für Geologie
Universität Innsbruck, Fakultät für Geo- und Atmosphärenwissenschaften, Institut für Mineralogie und Petrographie
University of Bern, Oeschger Centre for Climate and Climate Change Research, OCCR
University of Innsbruck, Faculty of Biology
University of Innsbruck, Faculty of Biology, Institute of Ecology
Team del progetto
1 - 2

Karin Koinig

Project Manager

Boris Ilyashuk

Vice Manager

Projects

1 - 5
Project

Biodiversity Monitoring South Tyrol

Monitoraggio della Biodiversitá in Alto Adige

Duration: December 2018 - December 2021Funding:
Internal funding EURAC (Project)

view all

Institute's Projects

Istituto
Eurac Research logo

Eurac Research è un centro di ricerca privato con sede a Bolzano, Alto Adige. I nostri ricercatori provengono da una vasta gamma di discipline scientifiche e da tutte le parti del globo. Insieme si dedicano a quella che è la loro professione e vocazione – plasmare il futuro.

Cosa facciamo

La nostra ricerca affronta le maggiori sfide che ci attendono in futuro: le persone hanno bisogno di salute, energia, sistemi politici e sociali ben funzionanti e un ambiente intatto. Queste sono domande complesse e stiamo cercando le risposte nell'interazione tra molte discipline diverse. In tal modo, il nostro lavoro di ricerca abbraccia tre temi principali: le regioni adatte a vivere, la diversità come elemento di miglioramento della vita, una società sana.

Great Place To Work
ISO 9001 / 2015ISO 9001:2015
05771/0
ISO 27001ISO 27001:2013
00026/0
ORCID Member

Nel rispetto del regolamento (UE) 2016/679, ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su "OK" acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso usa il tasto "maggiori informazioni".

Privacy Policy