UPSHIFT

Effetti della pressione dell'aria sugli ecosistemi alpini che si spostano verso l'alto

  • Deutsch
  • English
  • Italiano
  • Project duration: December 2021 - December 2024
  • Project status:
    Approval by the Scientific Committee
  • Funding:
    Provincial Joint Programme – IT-FWF (Province BZ funding / Project)

Il cambiamento climatico sta alterando i limiti altitudinali di molti organismi, spesso spingendo un avanzamento verso quote più elevate. Questo può avere effetti fisiologici diretti sulle specie, ma anche effetti indiretti causati da alterazioni nel modo in cui le specie interagiscono. Gli organismi che migrano verso l'alto per seguire il loro optimum termico non sperimenteranno alcun cambiamento di temperatura, ma una diminuzione della pressione atmosferica man mano che migrano verso l'alto. Questo influenzerà parametri fisici biologicamente rilevanti come il deficit di pressione del vapore (VPD), la pressione parziale di CO2 e la diffusività dei gas coinvolti in processi ecologici fondamentali, tra cui l'evapotraspirazione, l'attività fotosintetica o la respirazione. Di conseguenza, la ridotta pressione atmosferica pone un problema potenzialmente nuovo da risolvere per gli organismi che migrano verso l'alto, se vogliono persistere ad alta quota con il continuo cambiamento climatico. In questo contesto, gli effetti di una ridotta pressione atmosferica su piante e microrganismi del suolo che migrano verso l'alto, e le loro nuove associazioni, sono in gran parte sconosciuti. UPSHIFT affronterà questa lacuna di conoscenza applicando nuovi approcci sperimentali per scoprire il meccanismo alla base delle risposte delle specie, delle comunità e degli ecosistemi alla minore pressione atmosferica e alle nuove associazioni biotiche nelle praterie alpine. I nostri obiettivi principali sono (i) capire come i microrganismi del suolo e le piante che migrano verso l'alto reagiscono a una pressione atmosferica più bassa (ii) valutare come i microrganismi del suolo e le piante che migrano verso l'alto si comportano in associazione con piante e microrganismi del suolo che hanno persistito sul posto sotto una pressione più bassa, e (iii) valutare l'effetto della pressione atmosferica più bassa sul bilancio idrico dell'ecosistema. Il nostro approccio integra 1) una camera climatica di nuova generazione (terraXcube, Bolzano) per simulare diverse condizioni climatiche alpine, 2) esperimenti in vaso e mesocosmo (lisimetro) per distinguere gli effetti, e 3) osservazioni sul campo per validare l'affidabilità dei risultati ottenuti. Misureremo diversi indicatori eco-fisiologici, chimici e microbici per ottenere informazioni su processi fondamentali come l'assunzione dell'acqua, l'allocazione delle risorse e la crescita, e il processo fotosintetico. UPSHIFT si basa su una cooperazione transnazionale tra il Dipartimento di Microbiologia, Università di Innsbruck, Austria (PI Paul Illmer) e l'Istituto per l'Ambiente Alpino, Eurac research, Italia (PI Matteo Dainese). Le competenze complementari dei due istituti di ricerca saranno riunite in un approccio sinergico. In sintesi, UPSHIFT è il primo in un campo in gran parte sconosciuto e ci permetterà  di anticipare gli impatti ecologici del cambiamento climatico sugli ecosistemi alpini. Questo è fondamentale, poiché gli organismi che migrano verso l'alto dovranno adattarsi a nuovi fattori di stress, con profonde conseguenze per il funzionamento degli ecosistemi alpini.

Partner
University of Innsbruck
Team del progetto
1 - 4

Projects

1 - 5
Project

Biodiversity Monitoring South Tyrol

Monitoraggio della Biodiversitá in Alto Adige

Duration: December 2018 - December 2021Funding:
Internal funding EURAC (Project)

view all

Institute's Projects

Istituto
Eurac Research logo

Eurac Research è un centro di ricerca privato con sede a Bolzano, Alto Adige. I nostri ricercatori provengono da una vasta gamma di discipline scientifiche e da tutte le parti del globo. Insieme si dedicano a quella che è la loro professione e vocazione – plasmare il futuro.

Cosa facciamo

La nostra ricerca affronta le maggiori sfide che ci attendono in futuro: le persone hanno bisogno di salute, energia, sistemi politici e sociali ben funzionanti e un ambiente intatto. Queste sono domande complesse e stiamo cercando le risposte nell'interazione tra molte discipline diverse. In tal modo, il nostro lavoro di ricerca abbraccia tre temi principali: le regioni adatte a vivere, la diversità come elemento di miglioramento della vita, una società sana.

Great Place To Work
ISO 9001 / 2015ISO 9001:2015
05771/0
ISO 27001ISO 27001:2013
00026/0
ORCID Member

Nel rispetto del regolamento (UE) 2016/679, ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su "OK" acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso usa il tasto "maggiori informazioni".

Privacy Policy