01 March 24

Sensori ambientali low-cost:

il progetto ATMO-ACCESS in collaborazione con l’Osservatorio Nazionale di Atene

  • English

Il Center for Sensing Solutions e l’Instituto per le energie rinnovabili hanno avviato una collaborazione con l’Osservatorio Nazionale di Atene e l’infrastruttura ATMOS-NOA. Obiettivo della collaborazione scientifica è quello di testare sensori low-cost per il monitoraggio della qualità dell'aria interna ed esterna (ΑQ), compresi gli inquinanti e i parametri termoigrometrici. Sulla collina al centro di Atene dove sorge l'Osservatorio Nazionale – la più antica fondazione di ricerca greca – un team di ricerca ha installato la Environmental Quality bOX (EQ-OX), un sistema a basso costo con diversi sensori per un'ampia gamma di parametri rilevanti per l'ambiente interno, tra cui CO, CO2, NO2, O3, PM e TVOC. Sono stati installati sensori sia all’aperto che indoor.

Per migliorare l'affidabilità e facilitare la diffusione di EQ-OX come piattaforma che fornisce dati a lungo termine a basso costo, è stato sviluppato un algoritmo di calibrazione basato sull'intelligenza artificiale con risultati incoraggianti. Un aspetto saliente della procedura di calibrazione dei sensori a basso costo è il confronto con strumenti di riferimento o sensori pre-calibrati, in esperimenti controllati. Per questo, in questo studio esplorativo, i sensori EQ-OX saranno calibrati in condizioni ambientali e, parallelamente, saranno applicati per ottenere misure indicative in ambienti chiusi. Proprio ATMOS_NOA è stata scelta come struttura ospitante in quanto dispone di tutta la strumentazione necessaria per gli esperimenti di calibrazione. Si trova in un'area con diverse fonti antropiche e naturali, mentre le condizioni meteorologiche favoriscono la formazione e il trasporto di inquinanti secondari. Inoltre, il personale del centro è esperto nella calibrazione di sensori a basso costo e nell'uso di strumenti portatili.

L’obiettivo del progetto AQUINAS-Air Quality Utilizing INdoor AI Sensors del programma ATMO-ACCESS, che nasce anche per mettere in comunicazione enti di ricerca che sono interessati alle misure ambientali, è quello di avanzare nella strada verso l’affidabilità dei sensori a basso costo. Avere sensori low-cost affidabili non sostituisce gli hub monitoraggio originali ma permetterebbe di posizionare punti di rilievo degli inquinanti in molte più zone della città, fornendo dati più capillari e quindi efficaci per tenere sotto controllo l'ambiente e la salute nelle città europee.

Other News & Events

1 - 10
Scientific partnership with REbuild

Scientific partnership with REbuild

Workshop on comfort in plus energy buildings at Riva del Garda

Institute

Science Shots Eurac Research Newsletter

Get your monthly dose of our best science stories and upcoming events.

Choose language