06 settembre 21

Il Tiny FOP MOB fa una sosta a Laces

Focus su argomenti riguardanti l'architettura e la vita sana

  • Deutsch
  • English
  • Italiano
© Eurac Research | BASIS Vinschgau Venosta

Dopo l'atteso lancio del "Tiny FOP MOB" (cioè il piccolo FOrschungs- und Praxis-MOBil) a Silandro, ha fatto tappa anche a Laces in Val Venosta. L'interesse della popolazione per questo unico Real-World Laboratory, finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), continua ad essere grande e promettente e dimostra ancora una volta che il tema della sostenibilità è molto caldo.

Il vicesindaco Christian Stricker ha aperto il Tiny FOP MOB nella sua nuova sede a Laces prima che Daria Habicher, ricercatrice al Center for Advanced Studies di Eurac Research, presentasse il progetto nelle sue caratteristiche principali. Wolfgang Thaler, architetto freelance e presidente della Camera degli architetti, pianificatori territoriali, paesaggisti e conservatori, ha poi parlato sul tema "Cambiamento climatico e architettura". Le sue osservazioni sul modello dei tre pilastri dell'ecologia, dell'economia e delle questioni sociali hanno illustrato in modo impressionante che l'efficienza delle risorse e dell'energia deve essere presa in considerazione tanto quanto l'adattamento ai bisogni dei residenti e quelli della società. Anche le condizioni locali e regionali devono essere prese in considerazione. Come esempio lodevole, ha citato la HolzBox Tirol, che è completamente verde e dà il suo contributo al microclima senza riscaldamento. Nella sessione di domande e risposte che è seguita, Thaler ha discusso i costi del ciclo di vita dei progetti e ha confrontato la sostenibilità della ristrutturazione rispetto alla demolizione e alla nuova costruzione.

1 - 3
© Eurac Research - BASIS Vinschgau Venosta
© Eurac Research - BASIS Vinschgau Venosta
© Eurac Research - BASIS Vinschgau Venosta

L'evento pubblico del 27 agosto è stato dedicato interamente al tema del "abitare in modo sano". Francesco Babich e Ingrid Demanega dell'Istituto per le energie rinnovabili di Eurac Research e Margit Schäfer, docente dell'Università di Scienze Applicate nel campo della salute e membro del consiglio di sorveglianza di Neue Heimat Tirol, hanno dato un'occhiata ai fattori decisivi per la salute di uno spazio vitale. L'influenza della qualità dell'aria o della muffa sono ovvie, ma anche lo stress psicologico dovuto a costi elevati, contratti insicuri o conflitti con i vicini danneggiano il benessere, a volte in modo considerevole. L'inquinamento non dovrebbe essere evitato solo nella costruzione e nella pianificazione degli edifici e delle infrastrutture di trasporto, ma i residenti stessi dovrebbero anche adottare certi modelli di comportamento per sostenere questo e per vivere in modo sano. Nella sessione di domande e risposte, il radon nel suolo, che è ancora un grosso problema in Val Venosta, è stato un argomento particolarmente caldo, poiché non viene più misurato gratuitamente nelle case private, come avveniva in passato.

Infine, alla conferenza aziendale del 31 agosto, Herbert Niederfriniger di holzius GmbH ha parlato del suo approccio alla "pianificazione olistica" e della compatibilità dei tre pilastri. Aveva fondato la sua azienda con la sostenibilità in mente - ma il termine è ormai troppo banale per lui. Il suo motto è natura sana, persone sane, affari sani, e la holzius GmbH lavora secondo questo. L'attenzione alle materie prime gestite in modo sostenibile, gli spazi di vita e di lavoro sani per clienti e dipendenti e la creazione di immobili con un valore duraturo sono i migliori esempi di questo. Martin Haller, elettricista e presidente di LVH, ha poi parlato dell'importanza della cooperazione tra le piccole imprese. Le cooperazioni tra aziende specializzate e flessibili permettono di realizzare grandi progetti senza svantaggi per le persone coinvolte. Era anche necessario investire in lavoratori giovani e motivati e un accordo lungimirante sull'individualità delle singole imprese artigianali. La discussione che ne è seguita ha attirato l'attenzione soprattutto con critiche costruttive sulla cooperazione delle piccole imprese, ma anche sui sussidi forniti dallo stato e dal governo federale.

Il Tiny FOP MOB, (FOrschungs- und Praxis-MOBil), é un progetto del Center for Advanced Studies di Eurac Research in collaborazione con l'Istituto per le energie rinnovabili, la Libera Università di Bolzano e le aziende di artigianato Habicher Holzbau Srl e Schönthaler Manufatti in cemento Srl.

1 - 3
© Eurac Research - BASIS Vinschgau Venosta
© Eurac Research - BASIS Vinschgau Venosta
© Eurac Research - BASIS Vinschgau Venosta

Tutte le altre date e temi del Tiny FOP MOB possono essere trovate QUI.

Contatto

Ingrid Kofler

Project ManagerT 633 550 1740 93+ude.carue@relfok.dirgni

Daria Habicher

Vice Project ManagerT 308 550 1740 93+ude.carue@rehcibah.airad

Silvia Gigante

Junior ResearcherCenter for Advanced StudiesT 424 550 1740 93+ude.carue@etnagig.aivlis

Other News & Events

1 - 10
Center
Eurac Research logo

Eurac Research è un centro di ricerca privato con sede a Bolzano, Alto Adige. I nostri ricercatori provengono da una vasta gamma di discipline scientifiche e da tutte le parti del globo. Insieme si dedicano a quella che è la loro professione e vocazione – plasmare il futuro.

Cosa facciamo

La nostra ricerca affronta le maggiori sfide che ci attendono in futuro: le persone hanno bisogno di salute, energia, sistemi politici e sociali ben funzionanti e un ambiente intatto. Queste sono domande complesse e stiamo cercando le risposte nell'interazione tra molte discipline diverse. In tal modo, il nostro lavoro di ricerca abbraccia tre temi principali: le regioni adatte a vivere, la diversità come elemento di miglioramento della vita, una società sana.

Great Place To Work
ISO 9001 / 2015ISO 9001:2015
05771/0
ISO 27001ISO 27001:2013
00026/0
ORCID Member

Nel rispetto del regolamento (UE) 2016/679, ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su "OK" acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso usa il tasto "maggiori informazioni".

Privacy Policy