PHOTOSTORYChi l’ha visto?

In alta Venosta sono state identificate quattro specie di ragno mai ritrovate prima in Alto Adige. Due di loro sono una novità anche per l’Italia. Eccole in una raccolta di foto.

8
undefined
undefined
PHOTOSTORY

Nel 2021 il nostro biologo Michael Steinwandter ha battuto le montagne dell’alta Venosta per studiare la fauna che vive in superficie, in particolare ragni, coleotteri e millepiedi.

© Eurac Research 1 / 8
undefined
PHOTOSTORY

Il ricercatore si è mosso su tre diverse creste alpine, a quote comprese tra 1.500 e 3.000 metri. Le aree esaminate fanno parte di un laboratorio a cielo aperto dove Eurac Research fa ricerca ecologica da oltre dieci anni.
Grazie a questi studi nel 2014 l’area è entrata a far parte della rete internazionale LTER (Long Term Ecological Research Network) per la ricerca ecologica di lungo periodo (LT(S)ER Val Mazia/Matschertal).

© Eurac Research - Johannes Klotz2 / 8
undefined
PHOTOSTORY

Come si raccolgono i ragni? Con delle trappole a caduta: sono piccoli bicchieri nascosti nel terreno, i ragni non li notano e ci finiscono dentro. Le trappole rimangono in quota per due o tre settimane.

© Eurac Research 3 / 8
undefined
PHOTOSTORY

Poi si controllano le catture e per l’analisi accurata ci si sposta in laboratorio: il team consulta anche esperti ed esperte di altri paesi e i dubbi sull’appartenenza alle specie vengono spesso fugati con l’analisi dei pedipalpi maschili, organi sessuali secondari con una struttura particolare che aiuta l’identificazione.

© Eurac Research - Johannes Klotz4 / 8
undefined
PHOTOSTORY

Il ragno coccinella (Eresus sandaliatus Martini & Goeze, 1778) è stato ritrovato nei prati secchi sopra alla frazione Tarces (Comune di Malles), a 2.460 metri di quota. Non era mai stato identificato prima in Italia.

© Eurac Research - Michael Steinwandter5 / 8
undefined
PHOTOSTORY

Anche il ragno Cheiracanthium campestre (Lohmander, 1944) non era mai stato identificato in Italia. È stato ritrovato sui prati da pascolo a 1.500 metri di quota nella frazione Tarces (Comune di Malles).

© Eurac Research - Julian von Spinn6 / 8
undefined
PHOTOSTORY

Il ragno saltatore (Pellenes lapponicus - Sundevall, 1833) è uno dei ragni mai avvistati prima in Alto Adige. È stato identificato a 2.410 metri di quota, sopra i masi Obertels, nel territorio del Comune di Lasa.

7 / 8
undefined
PHOTOSTORY

Anche il ragno granchio (Psammitis bonneti - Denis, 1938) è una specie identificata per la prima volta in Alto Adige. È stato trovato nei pascoli della frazione Tarces (Malles) a 2.460 metri di quota.

© Eurac Research - Julian von Spinn8 / 8

Chi l’ha visto?

In alta Venosta sono state identificate quattro specie di ragno mai ritrovate prima in Alto Adige. Due di loro sono una novità anche per l’Italia. Eccole in una raccolta di foto.

17 January 2023

Fare ricerca ecologica significa anche avventurarsi sulle vette alpine alla ricerca di nuove specie. Queste missioni dedicate ad approfondire la conoscenza della fauna locale riservano talvolta sorprese interessanti.