ScienceBlogs
Home

‘I confini più duri del mondo sono fatti di carta’: Migranti senza documenti e società civili a Rotterdam

1
15 November 2022
1
L'ingresso dell'organizzazione Stichting ROS a Rotterdam - © GiorgiaZogu

"Non sono qui solo per ricevere aiuti dal governo, ma sto lottando per poter lavorare, per potermi mantenere lavorando legalmente e per poterlo fare liberamente, per creare una vita per me e mia figlia, insieme. E i documenti mi permetteranno di farlo, mi permetteranno di essere indipendente e di avere un valore, e anche di avere uno scopo. Di avere una vita" – dall’intervista con una persona migrante in condizione di irregolarità

Giorgia Zogu

Giorgia Zogu is a PhD Candidate at the Institute for Minority Rights at Eurac Research with a MA and BA in Political Science from the University of Vienna. She is interested in the intersection of ethnicity and political participation, as well as neighborhood and geographic effects. In her spare time she loves movies about dinosaurs and jokes about linguistics.

Tags

  • Migration

Citation

https://doi.org/10.57708/b143480904
Zogu, G. ‘I confini più duri del mondo sono fatti di carta’: Migranti senza documenti e società civili a Rotterdam . https://doi.org/10.57708/B143480904

Related Post

ScienceBlogs
10 January 2022mobile-people-and-diverse-societies

Re-thinking Political Secularism: The Multiculturalist Challenge

ScienceBlogs
14 December 2021mobile-people-and-diverse-societies

The many faces of participation

ScienceBlogs
30 November 2021mobile-people-and-diverse-societies

Die NAIen in der Schule