null
© ©LIGHTFIELD STUDIOS - stock.adobe.com

magazine_ Article

1

“Sindrome di Lazzaro”

Quando i pazienti dichiarati morti mostrano segni di vita

07 July 2020

Pazienti che mostrano segni di vita minuti dopo che la rianimazione è stata dichiarata fallita: I casi di sindrome di Lazzaro non sono eccezionali anche se le cause sono finora sconosciute. Una équipe internazionale di medici d’emergenza ha analizzato per la prima volta in modo sistematico tutti i casi pubblicati finora dalla letteratura scientifica. Le indicazioni che ne traggono possono avere un effetto su tutta la medicina d’emergenza.

Un paziente in arresto cardiaco viene rianimato dal medico d’emergenza. Il cuore non batte più, non ci sono più segni di vita. L’elettrocardiogramma rimanda solo una linea piatta o piccole fibrillazioni: la rianimazione non funziona. Dopo 20-30 minuti di tentativi il medico interrompe le manovre di rianimazione come previsto dalle linee guida. Improvvisamente, alcuni minuti dopo e senza alcun intervento esterno, il paziente mostra segni di vita: respira, ricompare il battito. È un fenomeno, quello della sindrome di Lazzaro, che hanno sperimentato molti medici rianimatori. Una équipe internazionale composta da medici d’emergenza di vari centri di ricerca – University Hospitals Morecambe Bay Trust (UK), Ospedale universitario di Losanna (CH), Eurac Research (I) e Paracelsus Medizinische Privatuniversität di Salisburgo – ha analizzato per la prima volta in modo sistematico tutti i casi pubblicati finora dalla letteratura scientifica in circostanze di terapia intensiva effettuata da personale qualificato: 65 dal 1982. Le indicazioni che ne traggono possono avere un effetto su tutta la medicina d’emergenza. I casi di sindrome di Lazzaro non sono eccezionali anche se le cause sono finora sconosciute. Sondaggi svolti in tutto il mondo riportano che tra il 37 e il 50 per cento di anestesisti e rianimatori ha vissuto in prima persona almeno un caso di pazienti che hanno mostrato segni di vita minuti dopo che la rianimazione era stata dichiarata fallita. Nella letteratura medica, che ha segnalato per la prima volta il fenomeno nel 1982, i quattro ricercatori Les Gordon, Mathieu Pasquier, Hermann Brugger e Peter Paal hanno rintracciato 65 casi documentati. “Riteniamo che questo fenomeno sia più frequente nella realtà di quanto riportato dalla letteratura”, afferma Les Gordon, medico d’emergenza britannico e primo autore dello studio. Nella loro indagine, i ricercatori hanno classificato come “sindrome di Lazzaro” tutti i casi di pazienti in arresto cardiaco che hanno mostrato un ritorno spontaneo del battito dopo che la rianimazione cardiopolmonare operata da professionisti era stata interrotta. Dei 65 casi presi in esame un terzo è sopravvissuto e di queste 22 persone l’82 per cento (18 pazienti) non ha riportato danni neurologici. “Il numero potrebbe sembrare basso in assoluto, ma gli effetti sono rilevanti se pensiamo all’impatto sul personale medico e sui famigliari, se pensiamo alle conseguenze legali o al numero di pazienti che richiedono manovre di rianimazione”, specificano Hermann Brugger, direttore dell’Istituto per la medicina d’emergenza in montagna di Eurac Research e Peter Paal della Paracelsus Medizinischen Privatuniversität di Salisburgo. “Il fatto che la maggioranza dei sopravvissuti non ha riportato danni è l’osservazione più significativa”, conclude Mathieu Pasquier. Sulla base delle loro valutazioni, i quattro ricercatori hanno elaborato delle raccomandazioni per i colleghi. Su tutte, quella di continuare a monitorare i pazienti con elettrocardiogramma per almeno dieci minuti dopo l’interruzione della rianimazione. Infatti, nei 63 casi documentati il battito è ricomparso in media entro i cinque minuti e nella maggior parte dei casi entro i dieci minuti. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista “Scandinavian Journal of Trauma, Resuscitation and Emergency Resuscitation.

Related People

Hermann Brugger

Tags

Istituti & Center


Related Content

news

A lezione di pronto intervento in montagna

article

Posso affrontare l’altitudine con disturbi neurologici?

Raccomandazioni per (non) salire in quota

ScienceBlogs
19 October 2021eureka

South Tyrol’s health system and Austria: more than cross-border cooperation?

Matthias Haller

Related Research Projects

1 - 3
Project

SLAPNEA

Conseguenze mal-adattive della respirazione periodica notturna in alta quota

Duration: July 2020 - December 2022Funding:
Public institutions (Other projects /Project)
Eurac Research logo

Eurac Research è un centro di ricerca privato con sede a Bolzano, Alto Adige. I nostri ricercatori provengono da una vasta gamma di discipline scientifiche e da tutte le parti del globo. Insieme si dedicano a quella che è la loro professione e vocazione – plasmare il futuro.

Cosa facciamo

La nostra ricerca affronta le maggiori sfide che ci attendono in futuro: le persone hanno bisogno di salute, energia, sistemi politici e sociali ben funzionanti e un ambiente intatto. Queste sono domande complesse e stiamo cercando le risposte nell'interazione tra molte discipline diverse. In tal modo, il nostro lavoro di ricerca abbraccia tre temi principali: le regioni adatte a vivere, la diversità come elemento di miglioramento della vita, una società sana.

Great Place To Work
ISO 9001 / 2015ISO 9001:2015
05771/0
ISO 27001ISO 27001:2013
00026/0
ORCID Member

Except where otherwise noted, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.

Nel rispetto del regolamento (UE) 2016/679, ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su "OK" acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso usa il tasto "Privacy Policy".

Privacy Policy