TRANSALP

Valutazione transfrontaliera del rischio e dell'impatto delle tempeste nelle regioni alpine

TRANSALP
  • Project duration: December 2020 - December 2022
  • Project status:
    In corso

Progetto finanziato da

Commissione Europea

La gravità e la frequenza di eventi meteorologici estremi eventualmente influenzati dai cambiamenti climatici minacciano sempre più i sistemi ambientali e socioeconomici. Un esempio è la tempesta Vaia del 2018 (nota anche come Adrian) (28 ottobre-novembre 2004), che ha colpito fortemente l'Italia, l'Austria, la Francia e la Svizzera. Negli ultimi 50 anni diverse tempeste dannose hanno avuto un forte impatto (cioè hanno causato conseguenze negative su beni, persone, infrastrutture o ambiente) soprattutto nei paesi del versante settentrionale delle Alpi (ad esempio Vivian 1990, Lothar 1999, Gudrun 2005, Kyrill 2007). Questi casi sono stati considerati eccezionali, ma potrebbero prefigurare eventi a rischio multiplo la cui frequenza e intensità sono probabilmente influenzate dai cambiamenti climatici. In tali condizioni, gli strumenti di valutazione del rischio e di prevenzione attualmente disponibili possono rivelarsi inadeguati, soprattutto a livello transfrontaliero e nelle regioni montane vulnerabili. Pertanto, è necessario fornire ai decisori e alle parti interessate a livello locale, nazionale ed europeo strumenti migliori e armonizzati e quadri di riferimento standardizzati per condurre valutazioni del rischio (climatico) efficienti per le aree transfrontaliere. Gli impatti attuali e futuri devono essere sistematicamente investigati al fine di adottare misure di prevenzione e riduzione del rischio di catastrofi (RRC) per la mitigazione dei rischi intrinseci.

L'obiettivo generale del progetto TRANSALP è quello di fornire una valutazione integrata dei rischi di tempeste multirischio e una metodologia di previsione degli impatti su misura per le autorità di protezione civile nelle regioni di montagna transfrontaliere. Gli attuali approcci di valutazione del rischio multirischio e le tecniche di mappatura dei beni socioeconomici e della loro vulnerabilità saranno esaminati in modo critico, con l'obiettivo principale di far progredire i processi decisionali per la prevenzione del rischio di catastrofi nelle aree montane dell'Unione Europea e di promuovere l'adozione di standard comuni all'interno di un quadro di collaborazione.

Il progetto è finanziato dalla CE nell'ambito del programma UCPM-2020-PP-AG (Prevention and Preparedness Projects for Civil Protection and Marine Pollution). EURAC è il partner principale all'interno di un consorzio transfrontaliero che comprende:

- EPC Srl (Italia)

- ARPA Veneto (Italia)

- ZAMG (Austria)

- BFW (Austria)

L'obiettivo strategico di EURAC è quello di consolidare la propria posizione nell'ambito della valutazione del rischio climatico e di far progredire ulteriormente gli approcci scientifici e tecnici finalizzati alla valutazione del rischio singolo e multirischio, al fine di fornire strumenti attuabili e supporto scientifico ai partner locali e transfrontalieri interessati, compresi i Dipartimenti della Protezione Civile.

Persona di contatto: Massimiliano Pittore massimiliano.pittore@eurac.edu

Team del progetto
1 - 11

Projects

1 - 10
Project

DPS4ESLAB

Piattaforma Dati e Tecnologie di Sensoristica per ESLAB

Duration: May 2018 - September 2021Funding:
FESR (EU funding / Project)

view all

Institute's Projects

Center
Eurac Research logo

Eurac Research è un centro di ricerca privato con sede a Bolzano, Alto Adige. I nostri ricercatori provengono da una vasta gamma di discipline scientifiche e da tutte le parti del globo. Insieme si dedicano a quella che è la loro professione e vocazione – plasmare il futuro.

Cosa facciamo

La nostra ricerca affronta le maggiori sfide che ci attendono in futuro: le persone hanno bisogno di salute, energia, sistemi politici e sociali ben funzionanti e un ambiente intatto. Queste sono domande complesse e stiamo cercando le risposte nell'interazione tra molte discipline diverse. In tal modo, il nostro lavoro di ricerca abbraccia tre temi principali: le regioni adatte a vivere, la diversità come elemento di miglioramento della vita, una società sana.

ISO 9001 / 2015
ISO 9001:2015
05771/0
ISO 27001
ISO 27001:2013
00026/0
Great Place To Work

Nel rispetto del regolamento (UE) 2016/679, ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su "OK" acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso usa il tasto "maggiori informazioni".

Privacy Policy