null

magazine_ Article

Una cuffia d’emergenza

Brevettato un apparecchio medico per misurare temperatura e altri parametri vitali dall’orecchio

Martina Jaider
Photo: Martina Jaider | Eurac Research
by Valentina Bergonzi

Ha l’aspetto di una cuffia per ascoltare la musica, sfrutta sensori posizionati nel condotto uditivo esterno ed è stato testato nel terraXcube, a temperature tra i -10 e i 20 gradi. È lo strumento poco ingombrante, non invasivo e semplice da usare che misura la temperatura centrale, ma anche la saturazione di ossigeno e il battito cardiaco. Lo ha brevettato Eurac Research in collaborazione con le aziende Minnova Med e Kerr Srl. Dà il meglio di sé in interventi medici d’emergenza, ma potrebbe essere impiegato anche in altri contesti ospedalieri.

In situazioni d’emergenza, per esempio quando si sospetta che la vittima sia in ipotermia, conoscere con la massima precisione la temperatura centrale è essenziale per un corretto triage, ma non è facile ottenerla: i termometri che tutti conosciamo non sono sufficientemente accurati, specie in condizioni ambientali difficili, e le sonde usate negli ospedali, per esempio quella esofagea, il più delle volte non si possono inserire. Quanto il team di ricerca ha concepito MedSENS – lo strumento che misura vari parametri vitali dal condotto uditivo – aveva in mente proprio questo sce nario. “Anche grazie all’esperienza di alcuni di noi nel soccorso alpino e nel servizio d’emergenza, sapevamo di volere uno strumento non invasivo e semplice da usare, che combinasse la misura della temperatura con quella della saturazione di ossigeno”, ricorda Michela Masè, fisica e ricercatrice di Eurac Research. “Sul mercato ci sono già dispositivi da inserire nell’orecchio, ma sono troppo sensibili alla temperatura esterna e dunque non affidabili. Siamo partiti da lì”.
Il cuore di MedSENS è una sonda grande più o meno come un tappo antirumore, che contiene sensori di misura innovativi; chi soccorre lo spinge nell’orecchio della vittima, poi lo copre con un padiglione esterno che isola dal caldo e dal freddo e incorpora un piccolo schermo che mostra in tempo reale i valori misurati. Oltre alla temperatura corporea, MedSENS misura infatti anche la frequenza cardiaca e la saturazione di ossigeno e dà così un quadro completo dei parametri vitali essenziali. I dati, oltre che sul padiglione, possono essere inviati wireless a qualsiasi altro dispositivo venga collegato dalle squadre di soccorso.

Image 1 of 12
La sonda è stata progettata tenendo conto dell’anatomia del condotto uditivo umano. Grazie a calchi in silicone i ricercatori hanno controllato dove si posizionava esattamente la sonda nell’orecchio. Photo: Martina Jaider | Eurac Research
Image 2 of 12
Photo: Martina Jaider | Eurac Research
Image 3 of 12
Photo: Martina Jaider | Eurac Research
Image 4 of 12
Photo: Martina Jaider | Eurac Research
Image 5 of 12
Photo: Martina Jaider | Eurac Research
Image 6 of 12
Per verificare l’attendibilità delle misure di MedSENS ai partecipanti ai test è stata applicata una sonda esofagea di controllo.Photo: Martina Jaider | Eurac Research
Image 7 of 12
L’otorinolarigoiatra Alessandro Micarelli (a sin) e il medico d’emergenza Giacomo Strapazzon allestiscono un esperimento nel simulatore di ambienti estremi terraXcube.Photo: Martina Jaider | Eurac Research
Image 8 of 12
Michela Masè sorveglia l'andamento dei test che si sono svolti tra i +20 gradi e...Photo: Martina Jaider | Eurac Research
Image 9 of 12
Photo: Martina Jaider | Eurac Research
Image 10 of 12
La sonda può essere inserita anche da personale non medico.Photo: Martina Jaider | Eurac Research
Image 11 of 12
Photo: Martina Jaider | Eurac Research
Image 12 of 12
MedSENS è stato concepito per essere usato principalmente in contesti ambientali difficili, quando gli interventi medici sono scomodi e complicati.Photo: Ivo Corrà | Eurac Research

Lo strumento è stato testato per oltre un anno e sottoposto a innumerevoli aggiustamenti. “Ho il sospetto che la sonda del prototipo finale abbia la vaga forma del mio orecchio, tante sono le volte che l’ho messo e tolto per verificarne la praticità!”, ride Michela Masé.
Due tornate di esperimenti si sono svolte nel simulatore di ambienti estremi terraXcube. Hanno visto coinvolte in tutto 40 persone, tra cui studenti e studentesse del Master internazionale in medicina di emergenza in montagna. Durante simulazioni di interventi fra -10 e 20 gradi, chi operava il soccorso doveva applicare il dispositivo, chi vestiva i panni della vittima veniva monitorato sia tramite MedSENS sia tramite una tradizionale sonda esofagea, inserita precedentemente in ambulatorio. “I nostri test avevano un doppio scopo”, spiega Alessandro Micarelli, otorinolaringoiatra e ricercatore di Eurac Research. “Da una parte provare se l’uso dello strumento fosse agevole anche, per esempio, con le mani intirizzite dal freddo pungente; dall’altra parte verificare che le misure di MedSENS fossero in accordo con quelle delle sonde inserite in profondità”.

Perché si misura la temperatura nell’orecchio?


La temperatura che si misura nell’orecchio è più affidabile, per esempio, di quella misurata sotto l’ascella. La ragione è che il timpano è irrorato da vasi sanguigni connessi a quelli del cervello che si considera la sede principale della temperatura corporea. Il cervello è infatti l’organo più nobile e il corpo concentra lì i suoi sforzi per mantenere la temperatura ideale.

Superati tutti i test, il prototipo è stato brevettato e ora il gruppo è alla ricerca di partner che siano interessati alla produzione su larga scala e alla commercializzazione.
“Mi auguro che questo avvenga quanto prima: MedSENS, nato pensando a soccorsi in contesti estremi, potrebbe infatti diventare uno strumento molto utile anche nella prassi ospedaliera, penso per esempio alle sale operatorie”, commenta Giacomo Strapazzon, direttore dell’Istituto per la medicina d’emergenza in montagna di Eurac Research. “E siamo a maggior ragione orgogliosi di questo brevetto perché è il risultato di una collaborazione fruttuosa tra il nostro centro di ricerca, aziende innovative e il NOI Techpark”.

Persone e finanziamento


MedSENS ha visto la luce grazie all’iniziativa di Hermann Brugger, Giacomo Strapazzon e Michaela Egebrecht. A fianco del team dell’Istituto per la medicina d’emergenza in montagna hanno lavorato le aziende altoatesine Minnova Med, rappresentata da Michaela Egebrecht, e Kerr Srl, rappresentata da Andrea Stona.
Il progetto è stato finanziato dalla Provincia autonoma di Bolzano nella cornice del programma FESR 2014-2020 (Progetto MedSENS FESR 1114, CUP D56C18001370006).

Questo contenuto è ospitato da una terza parte. Mostrando il contenuto esterno si accettano termini e condizioni.

Related Content

Eurac Research Magazine