Celtudalps

"Celti" nelle Alpi: modelli di origine e mobilità su entrambi i lati delle Alpi nella tarda età del ferro (IV-I secolo a.C.)

  • Deutsch
  • English
  • Italiano
  • Project duration: December 2020 - December 2023
  • Project status:
    Approval by the Scientific Committee
  • Funding:
    Provincial P.-L.P. 14. Research projects (Province BZ funding /Project)
  • Total project budget: 360.000,00 €

Il quadro genetico e il livello di mobilità che caratterizzano la popolazione “celtica” durante la tarda età del ferro (IV-I sec. AC) sono diventati argomenti centrali dell'archeologia e dell'antropologia. Nonostante il costante aumento degli studi archeologici, biomolecolari e biogeochimici in contesti sia britannici che dell'Europa centrale, i dati disponibili per i territori dell'Italia settentrionale e della Svizzera sono scarsi. Durante la tarda età del ferro le aree geografiche corrispondenti alla Svizzera moderna e all'Italia settentrionale hanno svolto un ruolo cruciale nel collegamento tra l'Europa centrale e quella meridionale. Questa connessione non è rappresentata solo dalla trasmissione di forme culturali (come la diffusione della cultura materiale di La Tène), ma anche dal movimento effettivo delle persone attraverso la catena alpina. In questo periodo l'area europea è stata soggetta a migrazioni di diversi gruppi, con successioni migratorie verso sud che sono documentate sia storicamente che da tracce archeologiche nell'Italia settentrionale e centrale. Tuttavia, risultano essere sconosciute le somiglianze e le differenze nella variabilità genetica, nei modelli di mobilità e nell'organizzazione sociale delle popolazioni della tarda età del ferro distribuite sui due versanti della catena alpina. Il presente progetto dunque si concentra ad affrontare questo quesito tramite un'analisi multidisciplinare (genetica e isotopica) di un ampio campione scheletrico rappresentante le popolazioni della tarda età del ferro della Svizzera moderna e dell'Italia settentrionale (Cenomani di Verona) tra il IV-I secolo a.C. In particolare, il presente progetto mira a: 1) ricostruire la storia genetica e la variabilità dei gruppi “celtici” che popolano le aree della Svizzera e dell'Italia settentrionale, analizzando la relazione genetica tra i gruppi e la struttura genetica di essi; 2) stimare il grado di mobilità che caratterizza queste popolazioni e le differenze e somiglianze nella mobilità tra loro(ad esempio, frequenze dei non-locali, pattern di sesso ed età, mobilità a lunga o breve distanza); 3) analizzare la presenza di relazioni tra la mobilità delle due popolazioni sotto esame, studiare modelli di parentela e l´organizzazione sociale in ciascuna area e possibili somiglianze e differenze nell'organizzazione sociale tra le comunità svizzere e dell'Italia settentrionale. I metodi analitici sono rappresentati dallo studio del DNA antico (aDNA) e degli isotopi stabili (δ15N, δ13C, δ34S, δ18O, δ2H), insieme ad un'analisi quantitativa dei campioni archeologici. 
Questo progetto sarà il primo ad applicare un approccio multidisciplinare allo studio delle popolazioni della tarda età del ferro dell'Europa continentale con il fine di generare nuovi dati isotopici e genomici accessibili tutti per studi futuri su queste popolazioni situate ad entrambi i lati delle Alpi. I risultati saranno divulgati a diversi gruppi target mediante: i) documenti scientifici, partecipazione a conferenze internazionali e archivio di dati ad accesso aperto; ii) social network e piattaforme, attività didattiche nelle scuole, conferenze pubbliche e interviste/articoli su giornali locali per un pubblico non scientifico.
Partner
University of Bern, Department of Physical Anthropology, Institute of Forensic Medicine
Museum für Naturkunde - Leibniz Institute for Evolution and Biodiversity Science
University of Bern, Department of Physical Anthropology, Institute of Forensic Medicine
Sovrintendenza per i Beni Culturali (Trento)
University of Bern - Departement for Chemistry and Biochemistry
Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Verona, Rovigo e Vicenza
Team del progetto
1 - 5

Projects

1 - 7
Project

MummyLabs

Potenziamento e centralizzazione delle infrastrutture di laboratorio dell´Istituto per lo Studio ...

Duration: December 2017 - October 2021Funding:
FESR (EU funding / Project)

view all

Institute's Projects

Istituto
Eurac Research logo

Eurac Research è un centro di ricerca privato con sede a Bolzano, Alto Adige. I nostri ricercatori provengono da una vasta gamma di discipline scientifiche e da tutte le parti del globo. Insieme si dedicano a quella che è la loro professione e vocazione – plasmare il futuro.

Cosa facciamo

La nostra ricerca affronta le maggiori sfide che ci attendono in futuro: le persone hanno bisogno di salute, energia, sistemi politici e sociali ben funzionanti e un ambiente intatto. Queste sono domande complesse e stiamo cercando le risposte nell'interazione tra molte discipline diverse. In tal modo, il nostro lavoro di ricerca abbraccia tre temi principali: le regioni adatte a vivere, la diversità come elemento di miglioramento della vita, una società sana.

Great Place To Work
ISO 9001 / 2015
ISO 9001:2015
05771/0
ISO 27001
ISO 27001:2013
00026/0
ORCID Member

Nel rispetto del regolamento (UE) 2016/679, ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su "OK" acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso usa il tasto "maggiori informazioni".

Privacy Policy