null

magazine_ Interview

1

"Dove vogliamo andare?"

Incontri tra discipline: intervista al direttore di Eurac Research Stephan Ortner e al geoecologo Marc Zebisch.

by Barbara Baumgartner, Sigrid Hechensteiner

Dai dibattiti sulla conservazione della natura, il biologo e direttore di Eurac Research Stephan Ortner è giunto a questa conclusione: la scienza rischia la sua credibilità quando interferisce in questioni socialmente controverse. Il geoecologo Marc Zebisch ritiene che il riserbo accademico di fronte alla catastrofe climatica non sia più al passo con i tempi. I due possono non essere del tutto d’accordo su quale sia il confine dell’attivismo, ma condividono una convinzione: se vogliamo un futuro degno di essere vissuto, la società e la scienza devono sviluppare insieme delle visioni.

Mai prima d’ora la scienza ha avuto un ruolo pubblico così centrale come durante l’emergenza sanitaria. Ai vostri occhi, qual è l’equilibrio? Cosa è cambiato nel rapporto tra scienza e società?

Stephan Ortner: Non mi sono ancora fatto un’opinione definitiva. All’inizio, naturalmente, la scienza era molto popolare, proprio come i vigili del fuoco sono molto popolari quando c’è un incendio. Poi questo fenomeno si è attenuato, anche perché la speranza che la scienza potesse spegnere l’incendio in breve tempo è stata chiaramente disattesa. Inoltre, i pareri scientifici venivano ascoltati dalla mattina alla sera, su tutti i canali con interpretazioni diverse e affermazioni apparentemente contraddittorie: la maggior parte delle persone non riusciva a reggerlo, credo. È stato difficile anche per noi. Ma ci si stupisce anche delle conquiste della scienza: un vaccino in così poco tempo! Questo ha rivelato in modo impressionante l’importanza della ricerca di base, perché senza il lavoro preparatorio degli ultimi dieci o quindici anni, questo risultato sarebbe stato impossibile.

Marc Zebisch: Da un lato, la pandemia ha dimostrato l’importanza della scienza, soprattutto nella prima fase, quando il mondo si è trovato improvvisamente di fronte a una crisi al di là di ogni orizzonte di esperienza. Era essenziale ricercare le modalità di infezione, sviluppare modelli sulla diffusione, sviluppare un vaccino. Senza la scienza, la crisi sarebbe davvero degenerata in una catastrofe. D’altra parte, è stato anche dimostrato che non si può controllare una crisi solo con la scienza. La scienza fornisce conoscenze e può mostrare scenari sulle conseguenze di diverse decisioni. Ma non può decidere al posto di qualcun altro. Sarebbe sbagliato aspettarsi che sia la scienza a prendere il timone.

© Eurac Research | Tiberio Sorvillo

“In the beginning, of course, science was very popular - just as the fire department is very popular when there's a fire.”

Stephan Ortner

Ortner: Ma è esattamente quello che è successo in Italia: le decisioni sono state prese dal Comitato Tecnico Scientifico. E questa commissione è stata troppo unilaterale, a mio avviso. Il ruolo centrale è stato svolto dai virologi, non dagli epidemiologi, anche se le loro competenze sarebbero state di maggior valore nella lotta contro una pandemia; anche i sociologi avrebbero probabilmente potuto contribuire per quanto riguarda le dinamiche sociali della crisi. Un fenomeno che tocca e cambia le nostre vite in così tanti aspetti deve essere esaminato da tutte le prospettive, altrimenti si rischia un naufragio: questa è la grande lezione che dobbiamo imparare per affrontare la crisi climatica.

© Eurac Research | Tiberio Sorvillo

“Science cannot always provide unambiguous answers; knowledge is dynamic, knowledge changes.”

Marc Zebisch

Zebisch: In effetti, la pandemia ha mostrato chiaramente i limiti della suddivisione della scienza in discipline distinte. Per spiegare rischi così complessi, e ancora di più per fornire raccomandazioni d’azione, non bastano la virologia e l’epidemiologia, ma servono anche l’economia, la sociologia, la scienza della comunicazione, la psicologia. La pandemia ha rivelato un altro limite: la scienza non può sempre fornire risposte univoche. La conoscenza è dinamica, le scoperte cambiano. Credo che sia essenziale comunicare questa incertezza. Christian Drosten, ad esempio, è sempre molto accurato nelle sue spiegazioni e se un’ipotesi si rivela sbagliata, lo dice.

Oggi gli scienziati hanno una migliore comprensione di come reagisce il pubblico?

Zebisch: Credo che siamo solo all’inizio. Le complesse ondate e i movimenti eterogenei di solidarietà, panico, fatalismo e resistenza, nonché il potenziale di conflitto sociale hanno sorpreso tutti per la misura in cui si sono manifestati. Le dinamiche sociali sono state sottovalutate. Anche l’atteggiamento del pubblico nei confronti degli scienziati è nuovo: sono diventati star in alcuni casi, oggetti di odio in altri, strumentalizzati anche dai movimenti. Credo che abbiamo imparato quanto sia importante coinvolgere la società nelle decisioni critiche.

Ortner: E abbiamo visto quanto sia importante la comunicazione. Il lavoro di pubbliche relazioni, se così vogliamo chiamarlo, a volte è stato davvero pessimo durante la pandemia, tutto veniva comunicato sempre troppo tardi. E poi il primo ministro che alle nove di sera leggeva pagine e pagine di paragrafi… molte cose erano confuse. Questo è stato probabilmente un altro motivo per cui le tensioni sociali sono esplose, anche se non voglio dire che la polarizzazione avrebbe potuto essere evitata del tutto. Dobbiamo imparare da questi errori anche per la crisi climatica e affrontare meglio la questione: come possiamo portare con noi le persone in questo viaggio? Come possiamo fare in modo che vogliano andare nella direzione in cui dobbiamo andare?

Zebisch: Quella legata al cambiamento climatico è una crisi ancora più complessa, perché non si tratta di misure specifiche, come quelle per limitare il contatto durante la pandemia per le quali è poi necessario creare accettazione. Per risolvere la crisi climatica, non basta che lo Stato imponga qualcosa, ad esempio un prezzo più alto della benzina, e che la gente lo accetti o protesti. Qui abbiamo bisogno di un cambiamento profondo, una trasformazione che riguarda i sistemi energetici tanto quanto i processi sociali, ed è per questo che parliamo di trasformazione. E per realizzare una migliore economia circolare, ad esempio, non basta che le persone collaborino nel senso di accettare: devono contribuire con le loro idee, prendere l’iniziativa, sviluppare progetti. La trasformazione non è una decisione dall’alto verso il basso, come in tempi di crisi. È quasi il contrario: molto deve venire dal basso, ha bisogno della partecipazione, delle forze di tutti. Questo può portare a qualcosa di molto positivo per l’individuo. Ad esempio, se acquisto elettricità verde da una cooperativa elettrica altoatesina di cui sono socio, anche questo è un bene.

Ortner: Questa narrazione positiva ci serve. Penso anche che oggi stia trovando un terreno più fertile rispetto a prima della pandemia. La crisi sanitaria ha cambiato la coscienza di molte persone, c'è una maggiore disponibilità a mettere in discussione sviluppi che si davano per scontati. Se riusciremo a salvare qualcosa di questo atteggiamento nel tempo, allora il virus potrebbe essere stato il preludio al grande progetto della neutralità climatica. Dobbiamo convincere le persone a realizzare i cambiamenti necessari rendendo tangibili i loro benefici, non con la paura. Non ci sarà un disastro alluvionale in Germania ogni anno, né incendi boschivi drammatici nell’Europa meridionale: non possiamo contare su questo per spingere le persone ad agire. E gli atolli che affondano nei mari del sud, la siccità nel Sahel: questa sofferenza è troppo lontana. Se non vogliamo cadere nel fatalismo (“finché i cinesi non si contribuiranno, è comunque inutile”), abbiamo bisogno di una narrazione positiva.

Zebisch: Il passo successivo è trasformare le narrazioni in pratiche e culture. In sostanza, il cambiamento climatico è una crisi culturale: cultura nel senso di valori e comportamenti appresi. Potremo superare queste crisi a lungo termine solo cambiando la nostra cultura, e per questo abbiamo bisogno non solo di scienza, ma soprattutto di educazione e partecipazione.

Quale ruolo può svolgere un centro di ricerca come Eurac Research?

Ortner: Di recente abbiamo lanciato il focus di ricerca “Cambiamento climatico e trasformazione”, che coinvolge esperte ed esperti in ricerca ambientale ed energia, sociologia, sviluppo regionale, diritto ed economia. Tutti lavorano da tempo su aspetti della trasformazione e ora queste competenze vengono condivise. Ciò significa che, da un lato, i team di ricerca specializzati continueranno a fornire dati, a verificare se i calcoli precedenti sono ancora attuali, a sviluppare previsioni, ecc. .. Altri si occuperanno di come i cicli locali e regionali possano funzionare economicamente, in modo che le persone non siano socialmente tagliate fuori. Non possiamo limitarci a dire alle persone cosa otteniamo dalla trasformazione: le persone devono partecipare al guadagno.

Zebisch: In particolare, nell’ambito di questa collaborazione di ricerca interdisciplinare, negli ultimi mesi abbiamo svolto uno studio su come l’Alto Adige possa raggiungere la neutralità climatica al più tardi entro il 2050. Stiamo inoltre preparando un portale web che fornirà indicatori aggiornati annualmente sui cambiamenti climatici e le loro conseguenze, ma anche sulle misure di protezione e adattamento al clima. C’è bisogno di nuove ricerche, soprattutto nell’area della risposta e della partecipazione della società, ma anche per quanto riguarda l’efficacia di specifiche misure di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici. Allo stesso tempo, è importante che gli istituti di ricerca offrano spazi in cui la scienza, la politica, l’economia e la società civile possano elaborare modi per affrontare crisi come quella climatica. In altre parole, dove le domande vengono discusse insieme: dove vogliamo andare? E come ci arriviamo? Anche per capire quanto sia difficile implementare le cose, semplicemente perché il sistema è così inerte. Una città come Bolzano non può essere completamente trasformata in dieci anni, perché ci sono un gran numero di edifici non ristrutturati e limiti pragmatici alla velocità di ristrutturazione delle case. Poi si tratta di indicare percorsi pratici.

Ortner: Sì, dovremmo dedicare del tempo a dibattiti aperti al di là dei confini disciplinari. Dovremmo staccarci dalla pressione di sviluppare immediatamente un progetto e di raccogliere fondi da terzi per realizzarlo. Perché questi finanziamenti passano attraverso canali di finanziamento che poi vanno in una certa direzione. Se si vuole sviluppare qualcosa di completamente nuovo, non è così facile trovare fonti di finanziamento.

Zebisch: Nella normale vita quotidiana di chi svolge ricerca si è molto coinvolti in questa routine: scrivere proposte, redigere relazioni, gestire progetti... Non si ha mai la possibilità di riflettere su un argomento più ampio con colleghi di altre discipline. Spero che la ricerca interdisciplinare apra nuove possibilità.

Quando si parla di cambiamenti climatici, molti scienziati sono passati da una posizione neutrale e distante a un coinvolgimento più attivo: l’organizzazione “Scientists for Future” ne è un’espressione. Signor Zebisch, lei è uno dei soci fondatori in Alto Adige: la comprensione del suo ruolo sta cambiando?

Zebisch: Sì, sicuramente. Innanzitutto, i metodi scientifici si sono estesi al campo dell’azione. Non si tratta più solo di comprendere un fenomeno, come la diffusione del coronavirus o il cambiamento climatico, ma anche di utilizzare metodi scientifici per studiare le diverse possibilità di azione e le loro conseguenze. Ad esempio, la richiesta di limitare il riscaldamento a 1,5 °C e di raggiungere la neutralità climatica al più tardi entro il 2050 è il risultato di calcoli scientifici. Questo obiettivo è stato poi reso vincolante dal punto di vista del diritto internazionale nei processi politici. Se, come scienziato, ritengo che le misure adottate finora non siano in alcun modo sufficienti per raggiungere questi obiettivi giuridicamente vincolanti, credo sia una questione di responsabilità dichiararlo chiaramente. Gli “Scientists for Future” non avanzano richieste, questo è esplicitamente dichiarato nel loro statuto; sono nati per offrire supporto scientifico ai “Fridays for Future”. E se i “Fridays for Future” non fossero stati così attivi negli ultimi cinque o sei anni, la politica non si sarebbe occupata così intensamente della protezione del clima. Prima di allora, in 30 anni di IPCC, il Consiglio delle Nazioni Unite per il Clima, non è successo quasi nulla, e questa inattività ricadrà pesantemente sulle nostre spalle. È anche la frustrazione per questa situazione che oggi spinge molti esponenti della comunità scientifica a lanciare con più forza i loro avvertimenti.

Ortner: Penso che come scienziati camminiate su una linea sottile. Chiunque prenda posizione corre il rischio di essere etichettato, strumentalizzato. Bisogna essere consapevoli di questo pericolo. Per tornare alla crisi sanitaria: alcuni virologi forse oggi agirebbero con maggiore cautela, in alcuni casi sono stati completamente strumentalizzati a fini politici: chi si è espresso a favore di minori restrizioni è stato assorbito dal campo della destra, chi ha invocato la cautela è stato rivendicato dalla sinistra. Si è quindi esposti a queste dinamiche e non è facile uscirne indenni. Ho potuto osservare questo aspetto nei grandi dibattiti sulla conservazione degli anni ottanta e novanta: alcuni esperti che hanno oltrepassato il limite dell’attivismo si sono giocati la loro credibilità. E questo, alla fine, forse ha fatto più male che bene alla causa.

Zebisch: Il mio principio di scienziato è quello di mettere la mia esperienza a disposizione di chiunque me la chieda. In Alto Adige si tratta dei “Fridays for Future” e delle associazioni locali della SVP, IDM, Alpenverein o Associazione Imprenditori. C’è così tanto spirito di iniziativa che proviene direttamente della società! Vedo molto potenziale e molta competenza.

Ortner: Questo dimostra una differenza notevole rispetto ai movimenti ambientalisti del passato: la conservazione della natura è sempre stata in opposizione all’economia, e c’è voluto molto tempo prima che il grande pubblico capisse che era giusto non costruire un’altra area sciistica, ma creare invece un parco naturale. Speriamo che questa volta saremo in grado di cambiare prospettiva più rapidamente. Questo include lo sviluppo di un occhio più attento a ciò che ci circonda, anche per le piccole cose. Poi ho l’avventura portata di mano; ci sono così tante cose nuove da sperimentare nella natura, una tale diversità da scoprire. Soprattutto il tema della biodiversità è molto stimolante. Sta a noi trasmettere queste cose ai giovani, creare offerte. I giovani sono sensibili a questo aspetto. Oggi i bambini spesso dicono di loro spontanea volontà: “No, papà, non andiamo in vacanza in aereo”.

Stephan Ortner

Stephan Ortner ama le scienze naturali e la musica, ha studiato biologia e chitarra classica. Rendere la ricerca in Alto Adige degna di una vetrina è passata dall’essere la sua visione al diventare il lavoro di una vita. Come direttore di Eurac Research, da oltre 25 anni si occupa proprio di questo, giorno dopo giorno. Nella vita privata, è padre di tre figli da cui ama farsi sorprendere.

Marc Zebisch

Marc Zebisch è geoecologo e dirige l’Istituto per l’osservazione della Terra di Eurac Research. Ha conseguito un dottorato di ricerca all’Istituto per la ricerca sull’impatto climatico di Potsdam e all’Università tecnica di Berlino e da quasi 20 anni si occupa di ricerca sull’impatto climatico e di valutazione del rischio climatico. Particolarmente emozionante per lui nel 2022 è stato partecipare, assieme ad altri ricercatori e ricercatrici di Eurac Research, al progetto teatrale ANTHROPOS Tyrann (Edipo) delle Vereinigte Bühnen Bozen su cambiamenti climatici, responsabilità e arte di creare intrecci.

Il sapere per tutti. 18 lezioni aperte sulla sostenibilità


Il 16 novembre alla Libera Università di Bolzano, Marc Zebisch terrà una lezione aperta all’interno del ciclo Series of Lectures on Sustainability. Il tema della lecture è “Cambiamento climatico, crisi climatica, catastrofe climatica?”, appuntamento alle ore 18.

Il ciclo di lecture è organizzato dall’Alleanza della ricerca e didattica per la sostenibilità in Alto Adige – nella cornice dell’alleanza diversi istituti di ricerca altoatesini hanno unito le forze per affrontare importanti aspetti della sostenibilità e, soprattutto, individuare soluzioni alle sfide e problematiche presenti e future. Tra gli istituti di ricerca coinvolti: la Libera Università di Bolzano, Eurac Research, lo Studio Teologico Accademico, il Centro di Sperimentazione Laimburg, il Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige, eco-research, l’Ökoinstitut e il Fraunhofer Italia. Anche l’IDM ne è partner. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito dell’Alleanza per la sostenibilità.

Related People

Stephan Ortner

Marc Zebisch

Tags

Istituti & Center

© undefined

Related Content

news

A che punto è l'Alto Adige sulla strada per la neutralità climatica?

Il monitoraggio del Piano Clima mostra l'andamento delle emissioni in Alto Adige

Dobbiamo imparare a vivere su un pianeta danneggiato
interview

Dobbiamo imparare a vivere su un pianeta danneggiato

Perché il progresso tecnologico da solo non risolverà il cambiamento climatico

Voluntarily and Involuntarily Immobile Farmers under the Impacts of Climate Crisis in Turkey
ScienceBlogs
mobile-people-and-diverse-societies

Voluntarily and Involuntarily Immobile Farmers under the Impacts of Climate Crisis in Turkey

Hacer GörenHacer Gören

Related Research Projects

1 - 10
Project

REGIO/2023/OP/0004

Handbook on Cross-Border Energy Communities (2022CE160AT275)

Duration: -