magazine_ News

1

L’abitare migrante

Un tavolo di discussione per mappare problemi e soluzioni possibili

11 October 2021

Come e dove abitano, a Bolzano, le persone con background migratorio? Quali sono le loro esigenze abitative e in che modo cambiano con lo stabilizzarsi della loro situazione? Che difficoltà incontrano nel cercare una casa?
È per rispondere a queste domande che i ricercatori di Eurac Research hanno unito le loro forze a quelle di altri partner territoriali – la cooperativa Studio Comune e La Strada/ Der Weg per coinvolgere rappresentanti di associazioni, attori istituzionali e privati sul tema dell’abitare migrante. Il tema è stato scandagliato attorno a un tavolo, anzi, ai tre “Tavoli dell’abitare” che si sono svolti nei mesi di settembre e ottobre. Lo scopo era quello di mappare, attraverso metodi informali e partecipativi, i problemi esistenti e proporre soluzioni possibili e traiettorie di sviluppo future.

“Trovare casa è estremamente complesso per una persona con background migratorio, ma in provincia di Bolzano la disponibilità abitativa è critica per chiunque. Per questo vogliamo far nascere proposte che rispondano a bisogni diffusi in tema di abitare e che possano adattarsi a esigenze in costante divenire. In mezzo al caleidoscopio di bisogni e risorse che ruotano attorno a questo tema, due considerazioni sono fondamentali. La prima è che l’accesso ad un’abitazione adeguata è condizione fondamentale per la dignità umana: l’esperienza pandemica ha senz’altro risvegliato in noi questa consapevolezza. E in secondo luogo, che l’abitare cambia in parallelo ad altri mutamenti sociali: per usare le parole di Enrico Fravega, ormai è l’abitare stesso ad essere migrante, più che le persone: ciascuno di noi si sposta e l’abitare è fluido, temporaneo, mutevole. Penso al lavoratore stagionale che cerca un appartamento singolo, ma poi avrà bisogno di una casa più grande per ospitare la sua famiglia dopo il ricongiungimento; oppure alla persona anziana che si trova sola in un appartamento troppo grande per le sue esigenze e possibilità”, spiega Marzia Bona, politologa di Eurac Research che ha condotto i Tavoli dell’abitare insieme a Studio Comune.

Abitare intergenerazionale, cohousing, valorizzazione delle risorse abitative inutilizzate sono alcuni degli aspetti su cui i partecipanti ai Tavoli stanno lavorando. Il materiale raccolto verrà presentato e discusso il 19 novembre 2021 nel corso di un incontro aperto al pubblico.

Tavoli dell'abitare


I tavoli dell’abitare sono parte del progetto "Formare, Informare, Abitare" promosso dall’Assessorato alla Cultura, Ambiente, Politiche di integrazione e Pari Opportunità del Comune di Bolzano, Ripartizione Servizi alla Comunità locale con il cofinanziamento del Servizio Coordinamento per l'Integrazione della Provincia Autonoma di Bolzano. Lo scopo del progetto è quello di promuovere lo scambio culturale e favorire l'inclusione e la convivenza in una società coesa e interculturale.

Collaborano al progetto: associazione La Strada-der Weg, Eurac Research, Cooperativa Studio Comune, Cooltour, Consulta immigrati della Città di Bolzano e il ricercatore Erjon Zeqo, esperto in interculturalità e autore della "Guida Immigrazione a Bolzano".

Tags

Istituti & Center


Related Content

Birra e formaggio blu erano nel menu già 2700 anni fa

Escrementi umani rivelano informazioni uniche

interview

“Una città più verde è anche più giusta, ma solo se il verde è distribuito bene”

Soluzioni basate sulla natura: intervista con Sonja Gantioler, biologa con una passione per la giustizia ambientale

article

Il giusto verde

È pensabile che sia la natura a risolvere alcuni dei più complessi problemi delle città?

ScienceBlogs
13 September 2021covid-19

Von Ungleichheit und Umverteilung: Ein Gespräch mit Barbara Unmüßig über die Notwendigkeit eines Wandels

Alessandra Volgger
news

Soluzioni verdi in città

Come idearle e realizzarle al meglio in Europa

Related Research Projects

1 - 10
Eurac Research logo

Eurac Research è un centro di ricerca privato con sede a Bolzano, Alto Adige. I nostri ricercatori provengono da una vasta gamma di discipline scientifiche e da tutte le parti del globo. Insieme si dedicano a quella che è la loro professione e vocazione – plasmare il futuro.

Cosa facciamo

La nostra ricerca affronta le maggiori sfide che ci attendono in futuro: le persone hanno bisogno di salute, energia, sistemi politici e sociali ben funzionanti e un ambiente intatto. Queste sono domande complesse e stiamo cercando le risposte nell'interazione tra molte discipline diverse. In tal modo, il nostro lavoro di ricerca abbraccia tre temi principali: le regioni adatte a vivere, la diversità come elemento di miglioramento della vita, una società sana.

Great Place To Work
ISO 9001 / 2015
ISO 9001:2015
05771/0
ISO 27001
ISO 27001:2013
00026/0
ORCID Member

Nel rispetto del regolamento (UE) 2016/679, ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su "OK" acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso usa il tasto "maggiori informazioni".

Privacy Policy