Press

Insufficienza renale: una summer school per trasformare la ricerca scientifica

14 luglio 21

Insufficienza renale: una summer school per trasformare la ricerca scientifica

Eurac Research riunisce giovani ricercatori da tutto il mondo per una ricerca orientata a soluzioni concrete

La ricerca biomedica punta sulla comprensione dei meccanismi biologici che favoriscono le malattie. Perché questa conoscenza si traduca in soluzioni concrete per la salute umana, è necessario che la ricerca di base comprenda le possibilità e le capacità del mondo produttivo, e viceversa. Con questo spirito, dal 12 al 16 luglio l’istituto di biomedicina di Eurac Research organizza una summer school rivolta a giovani ricercatori, per preparali a nuove carriere capaci di tradurre la ricerca di base in nuove terapie o nello sviluppo di farmaci. È la prima scuola al mondo di epidemiologia genetica della funzione renale e vanta docenti di alto profilo provenienti da Italia, Germania, Svizzera Francia e USA.

“Epidemiologia genetica della funzione renale e della malattia renale cronica”: questo il titolo della scuola che ha richiamato 41 giovani ricercatori da 14 paesi del mondo, tra cui Egitto, Uganda, Iran, Giappone e Colombia. L’evento doveva svolgersi a Bolzano, ma a causa della pandemia si terrà online. La scuola mira a formare ricercatori capaci di trovare soluzioni innovative per curare l’insufficienza renale, una condizione con un forte carico assistenziale e in aumento in tutto il mondo. Conoscendo i geni coinvolti nella regolazione del rene, e identificandone il ruolo, sarà possibile sviluppare farmaci in grado di contrastare il deterioramento dell’organo, nel tentativo di rallentare la patologia. L'insufficienza renale, infatti, è un problema sanitario a livello globale: colpisce oltre il 10 per cento della popolazione adulta mondiale e risulta fatale in assenza di terapie come la dialisi o il trapianto. I numeri parlano di circa 70 milioni di europei con funzione renale subottimale e quindi a maggior rischio di complicazioni cardiovascolari o renali. “Sulla base di questi dati e con le prospettive di costo sanitario ad essi collegate, è essenziale investire sulla ricerca del futuro, capace di accorciare le distanze tra la conoscenza scientifica e lo sviluppo di cure” commenta Cristian Pattaro di Eurac Research, responsabile scientifico dell’iniziativa. Molti docenti sono membri del CKDGen, il consorzio internazionale diretto dai ricercatori Cristian Pattaro (Eurac Research) e Anna Köttgen (Freiburg University) che negli ultimi dieci anni ha contribuito in maniera decisiva ad ampliare le conoscenze sulla genetica della funzione renale.

La scuola è promossa dal progetto europeo TrainCKDis, finanziato dal programma europeo Marie-Curie Innovative-Training-Network, che offre un programma internazionale di dottorato a 15 studenti, in collaborazione con otto università europee, aziende farmaceutiche e di bioinformatica, centri di ricerca pubblici e privati. Eurac Research è partner del progetto e da alcuni mesi ospita uno studente proveniente dall’Iran che svolgerà la sua ricerca di dottorato presso l’Istituto di biomedicina.

© Eurac Research - Annelie Bortolotti

Download
Press Kit

insufficienza-renale-una-summer-school-per-trasformare-la-ricerca-scientifica.zip

Diritti di utilizzo delle immagini

Il materiale fotografico è a disposizione della stampa per servizi sul nostro centro di ricerca a condizione che la fonte sia chiaramente indicata e che le immagini siano pubblicate con riferimento al contenuto del comunicato stampa. Le immagini possono essere utilizzate solo per scopi non commerciali e non possono essere rivendute o trasmesse a terzi.

tags

Contatti

Communication

T +39 0471 055 021 elena.munari@eurac.edu

Eurac Research

Drususallee 1/Viale Druso 1
39100 Bozen/Bolzano

Eurac Research logo

Eurac Research è un centro di ricerca privato con sede a Bolzano, Alto Adige. I nostri ricercatori provengono da una vasta gamma di discipline scientifiche e da tutte le parti del globo. Insieme si dedicano a quella che è la loro professione e vocazione – plasmare il futuro.

Cosa facciamo

La nostra ricerca affronta le maggiori sfide che ci attendono in futuro: le persone hanno bisogno di salute, energia, sistemi politici e sociali ben funzionanti e un ambiente intatto. Queste sono domande complesse e stiamo cercando le risposte nell'interazione tra molte discipline diverse. In tal modo, il nostro lavoro di ricerca abbraccia tre temi principali: le regioni adatte a vivere, la diversità come elemento di miglioramento della vita, una società sana.

Great Place To Work
ISO 9001 / 2015
ISO 9001:2015
05771/0
ISO 27001
ISO 27001:2013
00026/0
ORCID Member

Nel rispetto del regolamento (UE) 2016/679, ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su "OK" acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso usa il tasto "maggiori informazioni".

Privacy Policy