null

magazine_ Article

1

Alto contenuto di grassi nell’ultimo pasto di Ötzi

Analizzato il contenuto dello stomaco dell’Iceman: nuove conoscenze sull’alimentazione e la preparazione dei cibi di 5.300 anni fa

© Institute for Mummy Studies\Eurac Research\Frank Maixner
19 September 2021

Carne – fresca o essiccata – di stambecco e cervo reale, antico farro monococco e tracce di felce aquilina, una pianta tossica: questo l’ultimo pasto dell’Iceman. In uno studio internazionale, coordinato da Eurac Research, i ricercatori hanno esaminato il contenuto dello stomaco della mummia. Hanno individuato numerose biomolecole come proteine, grassi e carboidrati, risalendo alla loro origine e potendo così ricostruire per la prima volta un pasto dell’età del Rame. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica “Current Biology”.

Related People

Albert Zink

Frank Maixner

Tags

Istituti & Center


Related Content

Topic

Ötzi & Co.

photostory

6.600 anni portati bene

Una marmotta mummificata del Neolitico è approdata nei nostri laboratori