magazine_ News

1

Un questionario per censire le attività didattiche plurilingui nelle scuole dell’Alto Adige

19 May 2021

Il progetto SMS 2.0 si focalizza sulle esperienze e sulle esigenze di chi insegna.

Le quasi 10mila ore di workshop sul plurilinguismo tenute nelle scuole dell’Alto Adige dalle linguiste di Eurac Research negli ultimi anni dimostrano l’interesse del corpo docente per il tema. Del resto, il plurilinguismo è una realtà che chi insegna sperimenta ogni giorno: dal 2012 al 2018 il progetto “SMS – A lezione con più lingue” ha verificato come in una classe si arrivino a parlare più di 20 lingue e varietà linguistiche (inclusi i dialetti), oltre a tedesco, italiano e inglese. Purtroppo, può accadere che questo potenziale non venga sempre adeguatamente sfruttato e valorizzato. Per questo il team di linguiste ha deciso di proseguire la ricerca in questo campo focalizzandosi proprio sulle esperienze e sulle esigenze di chi insegna in contesti multilingui. La prima azione è un’indagine che coinvolge in queste settimane oltre 5mila insegnanti di ogni materia in scuole di ogni gruppo linguistico e di ogni ordine e grado sparse in Alto Adige. “C’è chi già propone nel quotidiano attività di didattica plurilingue, per esempio c’è chi fa leggere testi nelle lingue di origine di studenti e studentesse, come il farsi o l’albanese, per poi discuterne nelle lingue della scuola”, spiegano Marta Guarda e Sabrina Colombo, linguiste che hanno sviluppato il questionario. “Vogliamo fare il primo censimento estensivo di queste esperienze: sarà utile ai fini della ricerca, ma anche per adattare meglio i materiali didattici che prepariamo alle esigenze concrete delle scuole”. Il questionario – che impegna chi lo riceve per una mezz’ora – chiede infatti di descrivere quali siano le esperienze didattiche che coinvolgono anche le lingue non insegnate ufficialmente a scuola, nonché eventuali problematiche, motivazioni e resistenze. I risultati dell’analisi dei questionari saranno resi noti in autunno. Il materiale didattico già prodotto dalle ricercatrici è disponibile sulle pagine web del progetto.

Plurilinguismo e diversità nelle scuole dell’Alto Adige

Related People

Sabrina Colombo

Marta Guarda

Tags

Istituti & Center


Related Content

article

Con gli emoji torniamo alle origini della scrittura

Celebriamo la Giornata europea delle lingue con qualche curiosità su passato e presente dei sistemi di scrittura

ScienceBlogs
22 June 2021eureka

The equality-plurality paradox in language matters and how France and Italy deal with it

Anna Wolf
news

Se ne parla: competenze nella seconda lingua nelle scuole altoatesine

La stampa richiama lo studio Kolipsi II

Report
9

Rapporto Migrazioni Alto Adige 2020

Related Research Projects

1 - 10
Project

MT@BZ

La traduzione automatica nelle istituzioni dell'Alto Adige (studio pilota)

Duration: May 2021 - December 2022
Eurac Research logo

Eurac Research è un centro di ricerca privato con sede a Bolzano, Alto Adige. I nostri ricercatori provengono da una vasta gamma di discipline scientifiche e da tutte le parti del globo. Insieme si dedicano a quella che è la loro professione e vocazione – plasmare il futuro.

Cosa facciamo

La nostra ricerca affronta le maggiori sfide che ci attendono in futuro: le persone hanno bisogno di salute, energia, sistemi politici e sociali ben funzionanti e un ambiente intatto. Queste sono domande complesse e stiamo cercando le risposte nell'interazione tra molte discipline diverse. In tal modo, il nostro lavoro di ricerca abbraccia tre temi principali: le regioni adatte a vivere, la diversità come elemento di miglioramento della vita, una società sana.

Great Place To Work
ISO 9001 / 2015
ISO 9001:2015
05771/0
ISO 27001
ISO 27001:2013
00026/0
ORCID Member

Nel rispetto del regolamento (UE) 2016/679, ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su "OK" acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso usa il tasto "maggiori informazioni".

Privacy Policy